2.5

Difesa personale senza armi parte 5 – un'arma improvvisata

Qual è la differenza tra autodifesa disarmata e armata? Da un punto di vista legale ed etico, l'attacco deve essere potenzialmente letale per giustificare l'uso di un'arma. Tecnicamente, non ci dovrebbe essere molta differenza tra le difesa disarmata e armata.

L'utilizzo di armi improvvisate

Ciò è tanto più vero quando si tratta di usare armi improvvisate come penne, torce elettriche e oggetti di uso quotidiano. La funzione di base di un'arma improvvisata è di permetterci di colpire ancora più duramente e con maggiore efficacia rispetto a quando siamo a mani nude. Sebbene ci siano molti tipi e dimensioni di armi improvvisate, devono essere piccole e leggere abbastanza da potersi inserire in un pugno. Questi oggetti contundenti ti permettono di usare esattamente le stesse tattiche e tecniche che useresti con le mani vuote, ma con maggiore efficacia. Nelle puntate precedenti della nostra serie ho spiegato l'idea "di avere un piano e di implementarlo coerentemente in caso di autodifesa". Piuttosto che preoccuparci delle diverse tecniche di difesa contro una varietà di possibili attacchi, il nostro obiettivo dichiarato è quello di concentrarci su una singola "sequenza standard" di movimenti che può essere applicata quasi universalmente contro qualsiasi tipo di attacco. Gli elementi più importanti della nostra difesa standard sono i primi due movimenti: l'estensione del braccio sinistro (e la già spiegata moltitudine di funzioni che ne derivano) e il pugno a martello portato dall'alto verso il basso con la mano destra. Questi due movimenti istintivi e naturali possono essere ripetuti tutte le volte necessarie in una situazione di difesa, in cui il pugno a martello è stato progettato può essere eseguito brandendo un'arma improvvisata.

Immagini di autodifesa con armi improvvisate.
Per prima cosa l'attacco dell'aggressore viene parato e deviato verso il basso con il movimento circolare del nostro braccio destro. Continuiamo la nostra azione circolare avvolgendo con il nostro braccio sinistro il destro dell'aggressore fino a bloccarglielo. Contemporaneamente colpiamo l'aggressore con un colpo a martello verso la clavicola. 

Scegliere l'arma e impugnarla correttamente

Una buona arma improvvisata dovrebbe essere abbastanza forte da poter essere usata con la massima forza. Dovrà essere abbastanza grande da riempire la mano e sporgere di almeno un centimetro da entrambi i lati. Anche il suo diametro dovrà essere sufficiente a garantire una solida presa, così come l'eventuale zigrinatura o lavorazione della superficie, ma senza esagerare perché una zigrinatura troppo pronunciata potrebbe essere dannosa e dolorosa nel momento della massima tensione. Evitate oggetti con spigoli vivi. Alcune cosiddette “torce tattiche” che potrei anche apprezzare, hanno delle clip con spigoli vivi e altri dettagli che le rendono poco adatte alla difesa personale poiché potrebbero ritorcersi contro di noi e ferirci. Il modo più semplice per usare un'arma improvvisata del genere è tenerla saldamente con la mano e formare un pugno. Lo strumento di difesa dovrebbe sporgere dalla parte superiore e inferiore del pugno e il pollice dovrebbe essere posizionato sul lato superiore sporgente dell'oggetto. Questa copertura con il pollice assicura che la nostra arma improvvisata non si muova verso l'alto nella mano quando colpisce il bersaglio e che tutta la forza sia trasferita al bersaglio stesso. Con l'appropriato strumento di autodifesa e una presa adeguata, ora potrete eseguire le stesse sequenze di movimento della nostra difesa standard, come abbiamo presentato nelle puntate 1-4 della nostra serie (vedi sotto).

Colpo al viso di un aggressore
L'autore tenta un altro colpo al viso dell'aggressore, ma il colpo viene parato. A questo punto, proseguendo il movimento circolare, si libera dalla parata e si prepara a un colpo di gomito. 

Disinnescare l'aggressione

Poiché la nostra arma improvvisata non è evidente a prima vista, possiamo tenerla tra le mani pronte all'uso in qualsiasi momento senza attirare troppa attenzione. Quindi, se ci troviamo di fronte a un potenziale pericolo che non può essere evitato in anticipo, con la nostra arma difensiva nella nostra mano destra, adottiamo la posizione di standby già spiegata. Cercate di far ragionare l'aggressore verbalmente e con gesti rilassanti con la mano sinistra.

In caso di difesa

Se l'aggressore non risponde positivamente al nostro tentativo di ragionare e decide di attaccarci, ad esempio con un pugno diritto (il cosiddetto “Jab”) o con un colpo discendente al corpo, dovremo estendere il nostro braccio sinistro (primo movimento della sequenza standard) intercettate il colpo e deviatelo verso il basso. Questo movimento fluido e circolare in senso orario continua finché il nostro braccio non si trova al di sotto di quello dell'aggressore. A questo punto, usando la forza dei nostri muscoli dorsali, agganciamo il braccio dell'aggressore e lo tiriamo con forza verso di noi. Il braccio destro dell'aggressore sarà ora bloccato e immobilizzato. Mentre tiriamo l'avversario verso di noi, mettiamo in atto la seconda fase del movimento difensivo, il colpo a martello che sarà ancora più efficace grazie all'arma improvvisata. La clavicola è un eccellente bersaglio: può essere spezzata con un singolo colpo secco, mettendo immediatamente K.O. l'aggressore. Mantenete il controllo del braccio sinistro dell'aggressore in base alla forza dell'attacco, e continuate a colpirlo con lo strumento di difesa. L'altra clavicola, lo sterno, il collo, il viso e persino gli occhi possono essere bersagli adatti. Se l'avversario sta cercando di bloccare o afferrare il tuo braccio destro, usa il movimento circolare per deviare la mano verso il basso in modo da poter continuare la serie di colpi. In alternativa, puoi includere in questa azione gli altri passaggi della nostra difesa standard che non sono stati eseguiti prima, come un colpo orizzontale con il gomito, una ginocchiata all'addome o un calcio basso verso il ginocchio, lo stinco o la caviglia dell'avversario. Scoprirai che, con poca pratica, puoi usare le stesse tecniche di difesa disarmata impugnando l'arma improvvisata. Qui il movimento di apertura della sequenza, con il quale si blocca un arto dell'avversario ha un significato essenziale che cresce quando l'attaccante è armato.

Sequenza di immagini con gomitate e ginocchiate per difendersi
L'autore conclude la sequenza con una ginocchiata al volto e un calcio pestato dietro al ginocchio dell'aggressore, neutralizzando la sua mobilità.  
Valuta questo articolo
2.5 (6 valutazioni)
Questo articolo è disponibile anche in queste lingue:
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.