3.7

Difesa personale senza armi – parte quarta: difendersi da una presa al colletto

Nell'ultima puntata della serie abbiamo visto quanto sia importante avere un piano e implementarlo coerentemente in caso di emergenza. L'idea è di provare una singola "sequenza standard" di pugni e calci, che è quasi universalmente applicabile, invece di dover padroneggiare innumerevoli tecniche di difesa come è usuale nelle arti marziali tradizionali e nei sistemi di autodifesa.

Flashback: atteggiamento di base e difesa contro il colpo laterale

Come già spiegato nella terza parte della nostra serie, la sequenza di movimenti che ho insegnato nel mio programma "Pratiche di combattimento disarmato" per una difesa di successo consiste nella postura difensiva con il piede sinistro rivolto in avanti, una spinta della mano sinistra (come un "jab"nel pugilato), ulteriori colpi del palmo della mano destra e sinistra, un colpo di gomito orizzontale destro e un ultimo colpo sferrato con il ginocchio destro. L'ultima volta abbiamo spiegato questa versatile difesa di base contro un colpo laterale destro o "swing".

Il tentativo di presa dell'aggressore sul bavero

Colpo al martello nella difesa personale
La difesa standard contro il tentativo dell'aggressore di afferrarci il bavero per poi sferrarci un destro: la mano sinistra dell'aggressore è spazzata via da un nostro pugno a martello destro.

Questa volta si tratta di difendersi da un attacco di strada molto comune: l'aggressore tenta una presa sul bavero con la mano sinistra per far seguire un duro colpo con il destro. Allo stesso tempo, apprenderemo ulteriori dettagli sul potenziale della nostra sequenza di difesa standard e su come adattarla alle dinamiche delle diverse situazioni. Ma vediamo prima il metodo di attacco.  È comune per gli attaccanti esperti afferrare o toccare la propria vittima con la mano debole prima di colpire con la mano forte. Ho analizzato centinaia di video di sorveglianza da tutto il mondo e sono stato in grado di osservare questo metodo più e più volte. Indipendentemente dall'origine e dalla cultura, le persone usano istintivamente la loro mano debole per toccare, misurare o controllare le loro controparti e quindi determinare accuratamente la posizione e la distanza dall'obiettivo prima di colpire. Dato che questo istinto è così forte e funziona così bene nella pratica, è anche parte della nostra sequenza di difesa. Viceversa, naturalmente, questo significa anche che, quando possibile, tenteremo di prevenire questa forma di approccio se usata contro di noi. Qual è la migliore difesa contro una presa al colletto seguita da un pugno? Iniziamo non permettendo all'aggressore di afferrarci.

Attacco per strada: adattare la sequenza difensiva

Questo impedisce all'aggressore di controllarci e misurare efficacemente la distanza – e rende più difficoltoso colpirci. Per conciliare questo con la nostra sequenza difensiva difesa di base, la migliore tattica è semplicemente omettere il primo colpo dritto sinistro e andare direttamente al secondo movimento, con un pugno a martello destro. Quindi se l'attaccante allunga la sua mano sinistra per afferrarci o ci ha già afferrati (perché siamo stati troppo lenti) “martelliamo” con il pugno destro con la sua mano o il polso sinistro e continuiamo portando il successivo colpo con la mano sinistra (che è tecnicamente il terzo movimento della nostra sequenza di difesa di base). Questa spinta può essere variata in base alla nostra intenzione, alla precisione e alla reazione della nostra controparte al colpo di martello già inferto. Possiamo usarlo per bloccare la mano o la spalla destra dell'aggressore prima che possa colpire. Un'opzione ancora migliore è quella di portare un colpo diretto al volto dell'aggressore perché oltre a fermare la sua azione limiterà anche il suo campo visivo, il che a sua volta riduce il rischio di essere colpiti dell'avversario. Tuttavia, se riuscirà comunque a portare il suo colpo destro, il nostro braccio sinistro esteso servirà ancora da deflettore, quindi il suo attacco si fermerà a metà strada risultando inefficace. La prossima mossa è una naturale continuazione dell'azione "circolare" che abbiamo iniziato con la nostra mano destra. Dopo aver colpito la mano sinistra dell'aggressore verso il basso con il nostro pugno di martello, lasciamo che la nostra mano destra fluisca in un arco circolare naturale in un altro colpo di martello verso il basso. Se siamo già riusciti a ottenere un colpo con il nostro colpo di palmo sinistro, questa mano ora può servire da "guida" in modo che possiamo colpire con precisione con la nostra mano destra.

Colpo al volto dell'aggressore con mano sinistra
Immediatamente si colpisce con il palmo della mano sinistra il volto dell'aggressore, mentre il nostro braccio destro ha deviato il suo colpo.
Colpo a martello sulla testa dell'aggressore
Si controlla il braccio destro dell'aggressore spingendo sopra il suo gomito e si sferra un colpo a martello alla sua testa.

Mirate con la mano sinistra e sferrate il colpo finale

Uomo si difende con ginocchiata al basso ventre  verso l'aggressore
L'azione termina con una ginocchiata al basso ventre.

Quando colpiamo la testa dell'aggressore con la mano sinistra, miriamo con la mano destra nella stessa area. La nostra mano destra troverà rapidamente e facilmente il suo bersaglio a causa del "processo di misurazione" istintivo già spiegato. Anche se non possiamo colpire esattamente lo stesso punto del bersaglio, proviamo a colpire duramente con il palmo della mano destra o il pugno concentrato sul naso, sul collo, sulla testa e sulla clavicola. Noterai che quando colpisci con la mano destra, la mano sinistra si ritrae automaticamente a causa della rotazione della spalla. Questo movimento naturale all'indietro può essere utilizzato per afferrare la parte posteriore del braccio sopra il gomito dell'aggressore, permettendoti di controllare il tuo avversario e segnare con maggiore precisione altri colpi. Secondo la nostra sequenza di difesa di base, i movimenti successivi di solito sono un altro colpo di palmo con la sinistra, una gomitata orizzontale destra e un attacco con il ginocchio destro o un calcio basso. Ma a seconda della situazione, parti della sequenza possono essere omesse o ripetute in modo naturale e istintivo. Per esempio: se il nostro pugno a martello destro atterra perfettamente, il nostro avversario sarà spinto all'indietro, il che potrebbe rendere difficile attaccare il gomito in modo pulito perché l'attaccante è fuori portata. In questo caso, adattiamo i nostri movimenti alla situazione e andiamo dritti al colpo di ginocchio o al calcio. Il calcio o la ginocchiata non devono necessariamente essere diretti all'addome perché il colpo sarà efficace indipendentemente da ciò che colpiamo. Sia che il colpo raggiunga l'addome o l'esterno o l'interno della sua gamba (nervo fibulare comune o nervo della coscia) l'azione sarà sempre potente ed efficace. La nostra ginocchiata potrebbe anche prendere l'aggressore sull'articolazione del ginocchio e quindi compromettere la sua mobilità.

Quando ti difendi guarda sempre avanti

La combinazione tra ginocchiata e calcio si adatterà automaticamente alle circostanze. Se la ginocchiata troverò il suo bersaglio, sperimenterai un feedback immediato dal contatto del corpo dell'aggressore. Continua il tuo movimento in avanti per trasferire quanta più energia possibile e mettere il piede a terra per ripristinare rapidamente l'equilibrio. Se la ginocchiata manca il bersaglio, puoi sempre cercare di avanzare per far atterrare un calcio discendente o pestato sulle gambe dell'avversario quando si trovano ancora entro il nostro raggio d'azione. Ma se atterriamo sul suo piede con il nostro passo avanti, lo abbiamo in pugno. Ora hai la possibilità di avanzare e colpirlo con il ginocchio sinistro mentre tieni inchiodato il suo piede a terra. Come potete vedere la serie di difesa fondamentale può essere molto flessibile e versatile. Durante l'allenamento dovreste simulare con il vostro partner il maggior numero possibile di variabili. In questo modo imparerai ad adattare le sequenze di movimento alle dinamiche speciali di situazioni diverse e ad omettere o ripetere altre fasi della sequenza.



all4shooters.com ha già parlato della tecnica di base della difesa personale:

Valuta questo articolo
3.7 (3 valutazioni)
Questo articolo è disponibile anche in queste lingue:
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.