4

Difesa personale senza armi Parte 12 – difesa da un attacco con coltello: fatevi scudo

La ragione per integrare uno scudo è ovvia: se affronti un avversario armato di un'arma da taglio o da punta, difenderti dagli attacchi del tuo avversario,  è molto più facile con uno scudo che con la tua stessa arma. Rispetto ai blocchi con un'arma, le tattiche di difesa con lo scudo sono anche più facili da imparare perché offrono più spazio a errori grazie alla loro ampia superficie.

Difendersi con lo scudo: ha ancora senso?

Certo, nel mondo di oggi difficilmente sarebbe appropriato andare in giro con un classico scudo da combattimento, ma il concetto stesso è tutt'altro che estinto. Uno dei miei istruttori e partner di formazione, Michael Rigg, viveva a New York molti, molti anni fa. A quei tempi aveva ancora i capelli lunghi ed era spesso vestito con abiti che oggi sarebbero descritti con il termine "hippie". Parte integrante di questo look era una grande borsa a tracolla che gli pendeva dalla spalla. Un giorno, mentre andava da casa al lavoro, fu attaccato da un criminale che, estratto un coltello, gli chiese i suoi soldi. Anche se Rigg, saggiamente, consegnò il denaro, il ladro probabilmente non soddisfatto della sua preda e spinse il coltello nella direzione del ventre di Rigg. Con presenza di spirito, Rigg reagì con puro istinto, si ritirò e fece oscillare più o meno involontariamente la sua borsa a tracolla davanti alla parte superiore del corpo. Fortunatamente la borsa, che conteneva anche libri e giornali, intercettò il tragitto del coltello, salvandogli la vita.

Gli scudi moderni per difendersi da un attacco di coltello

Se combiniamo la lezione che possiamo trarre da questo incidente con le tattiche della difesa tradizionale dello scudo e le tendenze della moda di oggi, allora l'attuale equivalente dello scudo da battaglia medievale potrebbe essere lo zaino o una delle tante borse "tattiche" a tracolla. Leggero, comodo, pratico e spesso contenente computer portatile, libri e riviste di ogni tipo, uno zaino può essere uno strumento quotidiano molto efficace quando si è costretto a respingere un attacco con un coltello. Come con qualsiasi altro strumento di autodifesa, il modo in cui porti lo zaino gioca un ruolo cruciale, in modo che sia rapidamente pronto per l'uso in caso di un attacco di coltello. Il modo migliore è portare lo zaino con una cinghia sul lato del corpo/spalla non dominante (cioè sul lato sinistro se si è destrorsi) e infilare il pollice sotto la cinghia. Se ti senti potenzialmente minacciato in una situazione, tira lo zaino giù dalla spalla con un movimento fluido e posizionalo di fronte al tuo corpo. Se si utilizzano entrambi gli spallacci dello zaino, poiché così il carico è più facile da trasportare, è comunque possibile passare al metodo di trasporto con una sola cinghia se si sospetta un pericolo in arrivo. Se lo zaino ha fibbie a sgancio rapido sulle cinghie, quando lo zaino viene trasportato con entrambe, quella destra può anche essere rilasciata rapidamente per ruotare lo zaino davanti al corpo in modo protettivo. In situazioni difensive lo zainetto viene tenuto con entrambe le mani per controllare meglio il suo peso durante i movimenti veloci.

Farsi scudo da un attacco di coltello

Con lo zaino nella corretta posizione protettiva di fronte alla parte superiore del corpo, abbiamo creato tra noi e il coltello dell'attaccante una barriera che non è così facile da superare. Per sfruttare appieno il nostro strumento di autodifesa, dovremmo prendere l'iniziativa e agire in modo coerente. Se l'avversario inizia a sferrare colpi di taglio o di punta, forziamo lo zaino con entrambe le braccia nella direzione degli attacchi per intercettare la lama il prima possibile. Eseguiti correttamente, stronchiamo sul nascere i tentativi dell'attaccante di colpirci molto prima che possano dispiegare il loro pieno potere. Inoltre, potremmo anche riuscire sbilanciare l'aggressore e comunque dovremmo trarre vantaggio da qualsiasi segno di debolezza o vulnerabilità da parte sua per sferrargli una ginocchiata all'inguine o sferrare calci contro le articolazioni, gli stinchi o le caviglie. L'obiettivo dichiarato è quello di distruggere la mobilità dell'attaccante al fine di creare distanza e preparare una fuga sicura. Nella tattica descritta, tuttavia, deve essere presa in considerazione anche la relazione tra la propria forza fisica e il peso dello zaino.

Difendersi da un aggressore armato di coltello
Se l'aggressore è armato di coltello, uno zainetto può rivelarsi molto utile per difenderci dai suoi colpi.
Sequenza di immagini per difendersi da un aggressore con coltello
Appena intuite che ci sia un pericolo, fate oscillare lo zainetto dalla vostra spalla sinistra e posizionatelo a protezione del tronco.
Sequenza di immagini per difendersi da un aggressore con coltello
Se l'aggressore sferra un colpo, spingete in aventi lo zaino con entrambe le braccia per intercettare il suo attacco.
Sequenza di immagini per difendersi da un aggressore con coltello
Cercate di sbilanciare l'aggressore e colpitelo con una ginocchiata al basso ventre...
Sequenza di immagini per difendersi da un aggressore con coltello
In questo caso...
Sequenza di immagini per difendersi da un aggressore con coltello
quindi potrete aggiungere una tecnica di proiezione "Putar Kepala"
Sequenza di immagini per difendersi da un aggressore con coltello
....e mentre controllate la mano che impugna l'arma...
Sequenza di immagini per difendersi da un aggressore con coltello
...completate la tecnica con un colpo di palmo alla testa dell'aggressore.

Peso e contenuto dello zaino sono fondamentali

Se lo zaino è così stipato pesante che difficilmente riesci a muoverlo, le manovre difensive veloci non sono ovviamente fattibili. Naturalmente, anche il contenuto dello zaino ha un'importanza decisiva in caso di emergenza, poiché determina se una lama di coltello ben affilata, ad esempio, può essere effettivamente intercettata. Per questo motivo, potresti anche pensare a rendere il tuo zaino ancora più efficiente come strumento di difesa. Inserire nello zaino una piastra realizzata con un materiale duro, resistente agli urti e forte potrebbe essere un'idea sensata. Molti zaini hanno scomparti interno o esterni che sono ideali per accogliere una piastra protettiva. La tattica semplice ma molto efficace di utilizzare uno scudo difensivo contro gli attacchi armati può essere eseguita con molti oggetti di uso quotidiano oltre a uno zaino. Valigette, borse, sedie, sgabelli e così via possono essere armi improvvisate o strumenti di difesa. Come esercizio mentale nell'ambito della consapevolezza generale per aumentare l'autodifesa, ad esempio, puoi selezionare e valutare ripetutamente gli oggetti di tutti i giorni in relazione alla loro idoneità come strumenti di autodifesa. Noterai che ce ne sono molti. Allenati duramente, tieniti al sicuro!

Valuta questo articolo
4 (4 valutazioni)
Questo articolo è disponibile anche in queste lingue:
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.