5

Difesa personale senza armi – parte terza: la sequenza standard

Nelle prime due puntate abbiamo visto come difendersi da un colpo laterale e da una presa al collo a due mani. In questa terza puntata affronteremo l'argomento “avere un piano e come migliorarlo in caso di emergenza”.

Universale anziché specifico – un vantaggio nella difesa personale

Molte arti marziali tradizionali e sistemi di autodifesa insegnano tecniche di difesa particolari contro attacchi specifici. Il problema con questo metodo è che fondamentalmente richiede di identificare fulmineamente il tipo di attacco in modo corretto e quindi scegliere la difesa giusta da una varietà di opzioni per applicare in definitiva la tecnica appropriata. Occorrono anni di intenso allenamento pratico e di esperienza per rispondere a un attacco improvviso e imprevedibile alla velocità della luce. Un approccio più semplice consiste nell'avere un piano di emergenza generale che sia costantemente implementato. Invece di dover padroneggiare innumerevoli tecniche di difesa, l'idea è di studiare una singola "sequenza standard" di colpi e calci, che includa anche molte utili meccaniche corporee ed è quindi particolarmente efficace. Indipendentemente dall'attacco a cui sei esposto, puoi sempre contrastarlo con il medesimo - ma sempre molto versatile - sistema di difesa.

Colpo di palmo diritto sinistro
Si comincia con un colpo di palmo diritto sinistro, poi un colpo a martello del palmo destro, un altro colpo sinistro di palmo e una gomitata di destro.

La sequenza standard per difendersi da un attacco

La sequenza di base insegnata da Michael Janich è basata sul fatto che la maggior parte delle persone è destrorsa e può quindi istintivamente colpire più duramente ed efficacemente con la mano destra (questo funziona a specchio invertito per persone mancine). Iniziamo con una posizione di guardia con il piede sinistro puntato in avanti ed estendiamo il palmo sinistro in linea retta verso la parte anteriore (come un classico "jab", cioè il pugno rettilineo tirato con la mano forte nella boxe). Segue un altro colpo di palmo con le mani destra e sinistra e un colpo di gomito orizzontale destro. La rotazione dei fianchi, che conferisce forza al colpo di gomito, viene ulteriormente sfruttata per finire in un movimento fluido con un colpo sferrato con il ginocchio destro. Non tirare troppo con il ginocchio, piuttosto preoccupatevi di scaricare sull'aggressore la forza e il peso di tutto il corpo.

Ginocchiata destra
Lavoro di gambe: si comincia con una ginocchiata destra e si finisce con un calcio pestato.

Potenziale fisiologico per battere l'avversario

Per comprendere meglio le diverse applicazioni della nostra sequenza di difesa standard, esploriamo il "potenziale fisiologico" delle sequenze di movimento. Un esempio è il movimento iniziale della spinta del palmo sinistro. Questo può fungere da finta per distogliere l'attenzione dell'avversario dal colpo potente e reale che sarò portato con la mano destra. Quando viene eseguito come un "jab", puoi anche assestare un leggero colpo al volto e anche limitare la visuale dell'aggressore in una manovra ingannevole, che aumenta le possibilità di successo di colpire con la mano destra. La cosa migliore è che puoi trovare la giusta distanza all'avversario con il colpo sinistro e quindi assestare un colpo forte preciso con la mano destra. Ma il movimento iniziale della mano sinistra può anche essere usato in modo più difensivo per parare o deviare un colpo dell'avversario, ad esempio, nell'area dell'ascella, dove il braccio dell'aggressore può essere intrappolato e controllato. Il movimento successivo, ovvero il colpo di palmo destro, non viene eseguito in linea retta come un "jab", ma dovrebbe avvenire come una battuta nella pallavolo o come un "martello", con un movimento dall'alto in basso.

Braccio sinistro devia il colpo
Ecco la difesa fondamentale contro un colpo che proviene dalla nostra sinistra: il braccio sinistro devia il colpo, il palmo destro blocca l'altra mano e nel movimento successivo si controllano entrambe le braccia dell'aggressore con il braccio sinistro.

Vantaggi del colpo a martello

Dato che l'aggressore è in posizione eretta, il colpo a martello trasmette più energia al bersaglio, specialmente perché è più efficace sotto stress in termini di "abilità motorie grossolane". Inoltre, puntando il naso, l'orecchio, lo zigomo, il collo o la clavicola, si riduce il rischio di colpire i denti dell'avversario con la mano. Non è una questione da sottovalutare nel mondo di oggi. Perché l'ultima cosa che vuoi è uscire da un combattimento di strada come un "vincitore" e morire anni perché i denti dell'attaccante hanno ferito la nostra pelle e ci hanno trasmesso una malattia. Il movimento ellittico cadente del colpo o del pugno a martello può anche essere eseguito meglio e più velocemente come una forma di "fuoco continuo", ad esempio per superare un'azione difensiva efficace da parte dell'aggressore e quindi creare spazio per il colpo orizzontale portato dal gomito. Tutti gli altri movimenti della nostra sequenza standard offrono anche molteplici funzioni e possibilità offensive e difensive. La velocità della sequenza (con possibili ripetizioni o ritardi dei movimenti) può e deve essere adattata alla situazione contingente e alle reazioni dell'avversario.

Azione di difesa
Con il gomito e il ginocchio si conclude l'azione di difesa.
Aggressore sotto controllo
L'aggressore sotto controllo.

La versatilità della difesa standard: un esempio

Per dimostrare la versatilità della nostra difesa standard, qui mostriamo come potrebbe funzionare contro un gancio laterale destro. Quando l'aggressore colpisce, spingo in avanti la mia mano sinistra e semplicemente la estendo tra il pugno e la testa del mio avversario. Questo permette al mio braccio sinistro di deviare l'attacco, intrappolando il braccio dell'aggressore sotto la piega del mio braccio sinistro. Per evitare che l'attaccante mi colpisca con l'altro pugno, uso il palmo della mano destra per premere la mano sinistra dell'attaccante contro il suo petto. A questo punto, ho intrappolato in modo sicuro le due braccia dell'aggressore con il mio braccio sinistro, lasciandomi abbastanza spazio per finire l'azione difensiva con una gomitata alla testa dell'aggressore e un potente attacco al ginocchio all'addome o sul nervo della coscia.

Nelle altre puntate vedremo come possiamo utilizzare la nostra sequenza di difesa standard contro altre tattiche di attacco, cioè come mettiamo in azione il nostro versatile piano di emergenza.


all4shooters.com ha già parlato della tecnica di base della difesa personale:

Valuta questo articolo
5 (4 valutazioni)
Questo articolo è disponibile anche in queste lingue:
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.