4.1

Difesa personale senza armi – parte prima: introduzione e tecniche di base

Benvenuti alla prima puntata della nostra serie sull'autodifesa. Lo scopo della serie è insegnare tecniche di difesa personale semplici e realistiche che potrete includere nel vostro programma di allenamento. Inoltre, vogliamo spiegare gli elementi chiave dell'autodifesa pratica così come le differenze nelle arti marziali per migliorare la preparazione generale e la prontezza della reazione difensiva.

La vera autodifesa è semplice, diretta ed efficace! Pertanto, le buone tecniche di difesa dovrebbero avere alcune qualità fondamentali in comune che consentono all'utente di eseguirle con facilità e spontaneità anche sotto lo stress di un attacco reale.

Autodifesa: le buone tecniche dovrebbero essere...

Lotta tra due uomini
Appena si rende conto che l'aggressore sta caricando il pugno, il difensore contrattacca con uno “stop alla spalla”. Questa potente tecnica va eseguita con entrambe le mani e prevede che il palmo della destra colpisca la spalla dell'assalitore, mentre la sinistra intercetta il braccio forte dell'aggressore posizionandosi a metà tra polso e gomito. Questa reazione è molto istintiva, facile da eseguire e permette di bloccare facilmente anche i pugni più potenti
Scontro tra due uomini
Con un movimento fluido, il difensore sferra un calcio destro contro lo stinco dell'aggressore. Il calcio semplice e diretto viene eseguito come quando si gioca a calcio. Basta oscillare vigorosamente la gamba e calciare lo stinco dell'avversario con l'interno del piede.  
Scontro tra due uomini
Il calcio contro lo stinco farà sì che l'attaccante arretri questa gamba  spostando peso corporeo sull'altra gamba. L'attacco termina con un calcio pestato contro la caviglia dell'altra gamba, che ora sostiene tutto il peso. Il calcio pestato si esegue sollevando il piede e abbassandolo con forza, come se si volesse far scoppiare un palloncino posato a terra. Questo dovrebbe distruggere la postura eretta dell'avversario e crearvi la possibilità di fuga da prendere il volo.
  1. Semplici: le tecniche che richiedono molti movimenti complicati sono difficili da imparare. Diventano ancora più difficili se si vogliono eseguire sotto lo stress di un attacco reale e improvviso. Le tecniche di difesa semplici e dirette sono quindi una scelta di gran lunga migliore.
  2. Istintive: le persone che si trovano di fronte un attacco violento a sorpresa reagiscono inevitabilmente e istintivamente. Le reazioni, come il riflesso della paura sono istinti naturali e molto forti che difficilmente possono essere allenati. Invece di ignorarli o aggirarli, dovreste accettare e usare i vostri istinti (e le loro naturali funzioni difensive). Un esempio di tale istinto è quello di allungare automaticamente le braccia per tenere un attaccante lontano dal vostro corpo e creare distanza. Eseguito come una spinta prolungata, questo istinto non è esattamente efficace in sé, ma come una spinta esplosiva a due mani o un colpo, può essere una misura difensiva molto efficace.
  3. Potenti: per fermare un aggressore in modo efficace, devi essere pronto a fargli del male. Ciò significa che qualsiasi tipo di resistenza dovrebbe essere eseguita nel modo più potente possibile e colpire parti particolarmente vulnerabili dell'avversario. Impara ad usare la potenza naturale del corpo e le sue armi più potenti - come calci e calci calpestati.
  4. Creare un modo per fuggire: l'obiettivo finale dell'autodifesa non è "vincere", ma sfuggire alla situazione in modo sicuro e incolumi. Il modo più semplice per raggiungere questo obiettivo è limitare o distruggere la capacità dell'attaccante di seguirci e continuare l'attacco. Pertanto, i punti deboli come occhi, gola o gambe dovrebbero essere presi di mira per le contromisure. Perché il concetto si applica: "Se non può vedere, respirare o stare in piedi, non può combattere"!
  5. Deve funzionare in spazi ristretti : un aggressore attaccherà sempre se la situazione gli sembra vantaggiosa. In molti casi, si verificano aggressioni criminali quando la potenziale vittima è più o meno intrappolata in aree ristrette senza possibilità di fuga o di manovra. Alcuni esempi: corridoi, trombe delle scale, ascensori, garage o parcheggi. Questi luoghi limitano chiaramente le nostre possibilità di resistenza per quanto riguarda il lavoro di gambe e le tecniche che richiedono molto spazio per l'esecuzione. Pertanto, le tecniche di autodifesa efficaci devono essere compatte e applicabili in spazi ristretti.
  6. Versatilità : per reagire appropriatamente ad un attacco a sorpresa, devi prima identificare l'attacco in frazioni di secondo, selezionare la contromisura appropriata e eseguirla immediatamente di riflesso per proteggerti dai colpi dell'aggressore. Più speciali e complete sono le tecniche difensive contro i diversi attacchi, più diventa difficile prendere decisioni chiare in un lampo ed eseguire l'azione difensiva in modo corretto. 

È quindi meglio concentrarsi su tecniche di difesa efficaci e funzionali contro un'ampia gamma di attacchi.  

Esempio: se un aggressore ci sferra un pugno, o cerca di colpirci alla testa con una bastonata verticale oppure ci sferra una coltellata diretta al corpo, la sequenza dei movimenti necessari per sottrarci al colpo è più o meno la stessa. Piuttosto che vederli e trattarli come tre diversi attacchi, ciascuno con una diversa reazione di resistenza, è meglio percepire gli elementi coerenti degli attacchi e riconoscere che diversi tipi di aggressione possono essere combattuti con successo con la medesima tecnica.

Con questi principi di efficace autodifesa in mente, la prima parte di questa serie si occupa di uno degli attacchi più comuni sulla strada: il gancio destro. Nelle immagini di questo articolo vi mostriamo come difendersi da questa minaccia.


Valuta questo articolo
4.1 (7 valutazioni)
Questo articolo è disponibile anche in queste lingue:
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.