4

Difesa personale senza armi – parte seconda: difendersi da una presa al collo

Nella prima parte abbiamo visto come difenderci da un colpo laterale, non importa tanto se sia un pugno o una bastonata. Ora daremo un'occhiata alle tecniche difensive contro un tentativo di strangolamento a due mani. Una delle domande più frequenti quando si tratta di autodifesa è: "Cosa posso fare se una persona molto più grande e più forte di me mi attacca?" La risposta onesta, che tra l'altro è valida per ogni situazione di autodifesa, può solo essere: "Fai il meglio che puoi!" Più ti alleni e migliore è la tua forma fisica, più è probabile che tu possa essere in grado di compensare le differenze di corporatura e forza fisica, tuttavia, un altro elemento importante per rendere le tecniche di difesa quanto più efficaci possibile è assicurarsi che la propria struttura corporea sia utilizzata nel modo più efficiente possibile. La struttura in questo contesto è fondamentalmente l'allineamento e la coordinazione delle ossa dello scheletro del corpo quando si esegue un particolare movimento.

Difesa personale dita nella giugulare
Allungare e bloccare le dita, il polso e il gomito e infilare le dita nella fossetta giugulare come la punta di una lancia. 
Difesa personale rotazione della spalla
Con il supporto del muro, ruotare la spalla per estendere ulteriormente il braccio irrigidito. Mostrato qui a scopo illustrativo da due punti di vista. 

Cosa conta nella difesa a mani nude: struttura anziché forza

Se le ossa e le articolazioni sono allineate correttamente, userete meno forza e sarete comunque efficaci perché è possibile trasferire più energia dal centro del corpo, solitamente ruotando i fianchi e le spalle. Per capire meglio questo concetto, immaginate di fare delle semplici flessioni sulle braccia. Nella posizione di partenza, le braccia sono completamente estese e bloccate nell'area del gomito. Questo allineamento di ossa e articolazioni consente di mantenere facilmente il peso corporeo per un periodo di tempo più lungo. Ora allentate i gomiti, spostate il corpo di alcuni centimetri più in basso e cercate di mantenere la posizione. Con il compito di supportare il corpo affidato ai muscoli invece che all'allineamento delle ossa, la vostra struttura non sarà così forte e vi stancherete dopo poco tempo. Per quanto semplice possa sembrare questo concetto, è spesso trascurato nelle arti marziali e nei sistemi di autodifesa. Se massimizzerete il vostro allineamento strutturale del corpo durante l'allenamento, allora le vostre tecniche di autodifesa saranno molto più potenti ed efficaci. Vi abituerete al concetto di "combattere in modo più intelligente anziché più difficile", rendendo le vostre tattiche più funzionali ed efficienti.

La difesa contro la presa al collo e lo strangolamento 

Difesa personale rotazione della spalla
La rotazione continua della spalla libera i fianchi, permettendoti di sollevare il ginocchio per sferrare un potente calcio laterale.

L'aggressore vi afferra il collo con entrambe le mani e stringe per bloccare l'afflusso d'aria. Nel peggiore dei casi, sarete anche spinti contro un muro per limitare la vostra mobilità e le possibilità di fuga.

In molte arti marziali e sistemi di autodifesa, si tenta di contrattaccare agendo contro le mani dell'aggressore per liberarsi dalla stretta mortale il più rapidamente possibile. Alcuni raccomandano di afferrare una o più dita della mano dell'avversario e piegarle all'indietro per allentare la presa. Altri, invece, usano una leva o una chiave articolare sul polso dell'aggressore per mediare una misura difensiva. Se queste tattiche funzionano per un avversario della nostra stessa taglia, è improbabile che siano efficaci contro un aggressore più corpulento e più forte.

Il metodo più efficace per sottrarsi all'attacco

Difesa personale calcio contro articolazione del ginocchio
Il calcio contro l'articolazione del ginocchio o della caviglia dell'attaccante annienta la mobilità dell'aggressore e offre un'opzione di fuga sicura.

Dal momento che le mani dell'aggressore vi stringono il collo, sapete dove si trovano, e questo è sempre un vantaggio. Lascia che stiano lì.  Estendi e irrigidisci le dita della tua mano forte e allunga il braccio per guidare la punta delle dita nella "fossetta giugulare" - l'area vuota nel collo sopra lo sterno e sotto la laringe - del tuo avversario. Blocca il gomito per creare una struttura forte e, usando il muro come supporto, ruota la spalla per allungare il braccio in avanti nel modo più potente possibile. Anche se l'attaccante è molto forte e/o ha le braccia lunghe, la forza combinata del braccio rigidamente bloccato e delle dita estese, insieme alla rotazione delle spalle spingerà le dita in profondità nel collo dell'aggressore. Questo porta a un intenso dolore e interrompe la respirazione. 

Ciò costringe l'aggressore a indietreggiare interrompendo la stretta mortale. Poiché un tentativo di strangolamento può essere generalmente qualificato come potenzialmente pericoloso per la vita, è necessario assicurarsi che ci si possa allontanare in sicurezza. Dopotutto, l'obiettivo ultimo dell'autodifesa è di fuggire in sicurezza. Continuando il movimento di rotazione, i tuoi fianchi possono anche sferrare un potente calcio laterale contro il ginocchio o la caviglia dell'attaccante che limiterà ulteriormente la mobilità dell'aggressore e ti offrirà un'opzione di fuga. Le migliori tecniche di autodifesa tengono conto e si basano sulla nostra anatomia naturale e sulla struttura corporea piuttosto che sulla forza pura, il che aumenta le possibilità di successo nel difendersi contro un aggressore fisicamente più potente.

Valuta questo articolo
4 (4 valutazioni)
Questo articolo è disponibile anche in queste lingue:
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.