5

Caccia da sogno: magica Namibia

Perché cacciare in Namibia?

Jean Marc è un cacciatore e viaggiatore di grande esperienza: "Ho cacciato per molti anni in Camerun e in Sudafrica. La straordinaria densità di animali in questo territorio di caccia della Namibia, i legami creati negli anni con le guide (in particolare François Robberts e Gottfried) mi hanno fatto tornare più volte a   Ozondjahe. "

Consigli pratici per le armi

Le esperienze di Jean Marc fanno eco a quelle di molti altri cacciatori internazionali che viaggiano in aereo con armi da fuoco. "Le formalità doganali possono causare ritardi, il costo del trasporto di fucili con Air Namibia è molto alto e c'è sempre l'incertezza di non riuscire a recuperare il fucile se si fa scalo a Johannesburg". La prima volta Jean Marc ha portato il suo fucile, un .300 Winchester Magnum, ma ora noleggia sul posto una carabina nello stesso calibro, che secondo Jean Marc è la scelta migliore. 

L'eccitazione della caccia cresce lungo la strada...

Cacciatore durante un safari in Africa
Jean Marc Coyault durante un safari. (foto: Ozondjahe). 

François Robberts, capo delle guide di Ozondjahe, saluta calorosamente Jean Marc nell'aeroporto di Windhoek. Jean ci dice: ". ..è un ragazzo divertente con l'occhio di un'aquila, ti farà sicuramente scoprire la sua Africa con passione ". Jean Marc e Francois viaggiano per tre ore per raggiungere Ozondjahe. " La tentazione di dormire durante il viaggio è stata fortemente ostacolata dall'interesse suscitato dal continuo apparire di animali sulla strada, lungo le recinzioni: babbuini, facoceri in gran numero, impala, gnu, qualche kudu maggiore, giraffe e persino qualche antilope nera . "

Jean Marc ci parla della zona di caccia:  "Si trova ai piedi del monte Waterberg , le cui pareti a strapiombo all'alba si tingono di rosa, per la delizia di chi ha la fortuna di vederlo ogni mattina. La fattoria è a circa due ore d'auto dal famoso parco  Etosha Wildlife Park   e a circa 40 km a sud-est di Otjiwarongo ."

Il lodge di caccia di Ozondjahe

Trofeo di giraffa
Un trofeo di guraffa al lodge di  Ozondjahe. 

Il comfort degli ospiti è importante a Ozondjahe,  "Le casette sono spaziose, l'arredamento è bellissimo, i vasti letti sono abbinati a pelli di  zebra, o di coppia di impala come scendiletto. La sala comune con il suo bar e la sua ampia zona giorno è sorvegliata da un immenso mantello da giraffa e da una testa di un kudu maggiore. L'aperitivo al tramonto o durante la cena lascerà ricordi indimenticabili con gli animali che vengono a dissetarsi a 50 metri di distanza in un pozzo d'acqua illuminato: zebre, gnu, impala, orici, facoceri e cobi."

Le temperature in Namibia a giugno 

Ozondjahe è un territorio libero dalla malaria e durante l'inverno non ci sono zanzare. Jean Marc ci ha detto: " La caccia inizia intorno alle 7:30, il territorio è a un'altitudine di 1600 metri, può fare piuttosto freddo, ma dalle 10 alle 16:00 la temperatura media è di 20 gradi "

Il territorio di caccia e la luna

Scenario africano
Un affascinante scenario africano.  

Jean Marc spiega: " Il territorio è vario: grandi pianure erbose, pianure arbustive, altipiani, montagne di media altitudine, e il picco (dove si trovano kudu e Dik-Dik). Le grandi pozze d'acqua sono il luogo di incontro per gnu e spesso orice, impala, zebra (di Burchell e montagna). La densità degli animali è incredibile. In generale si dice che sia raccomandabile scegliere periodi senza luna piena, cosa che ho fatto fino a luglio 2018: poi ho deciso di provare a cacciare con il plenilunio e.... sorpresa! Ho visto altrettanti animali rispetto alle notti senza luna. Ho sparato a impala, gnu blu e nero, orice, babbuino, zebra, eland del capo, springbok, leopardo e all'ambitissimo ghepardo” .

La grande ricompensa per il cacciatore

Jean Marc ci racconta: “ La giornata stava volgendo al termine senza aver preso nulla; io e la guida ci avviciniamo di soppiatto a una delle pozze d'acqua create dalle dighe di Ozondjahe. Osserviamo uno struzzo e tre kudu, che si aggirano pacifici sulla riva della pozza. Poi qualcosa succede: all'improvviso gli animali si dileguano. Ci fermiamo al riparo negli arbusti e inizia una snervante attesa: i minuti sembrano allungarsi all'infinito, ma ecco all'improvviso comparire due grandi ghepardi. Si avvicinano lenti e cauti, a pochi metri uno dall'altro. Manca un'ora al tramonto, in piena luce, sparerò a un grosso maschio. Alla fine la mia pazienza è stata premiata. La felicità è condivisa con la mia guida, dopo così tanti sforzi. "

Orice abbattuta
Un'orice abbattuta in Namibia da Jean Marc Coyault. (Foto: Ozondjahe).
Jean Marc con il ghepardo
Jean Marc con il ghepardo. (Image by Ozondjahe).

Per amore dell'Africa

Cefalo grigio
A caccia in Africa: un cefalofo grigio. (Image by Ozondjahe). 

Tracciare gli animali e avvicinarsi a piedi è la modalità preferita di Jean Marc, " Ho sempre preferito consumare la suola delle mie scarpe e strappare le camicie sulle spine. Il cuore batte più forte quando sei a diretto contatto con la boscaglia. I lunghissimi dialoghi silenziosi con la mia guida: la nuova traccia mostrata dal dito, la goccia di sangue su una foglia, gli uccelli, le piante, gli insetti, tutto è fonte di felicità nella scoperta di un vero tesoro per il fotografo e l'amante dell'Africa " .

La caccia da sogno secondo Jean Marc

Jean Marc condivide con noi il suo sogno e un'idea romantica: "Ho due sogni: un grande alce in Alaska, e incontrare mia moglie alle dighe di Ozondjahe nella luce del mattino."

Per maggiori informazioni  Africa-Hunting-Safari.com   


Chi è Linda Mellor, autrice di questo articolo?

Linda Mellor è una delle più importanti giornaliste e fotografe di caccia e pesca della Scozia. Lei è testimonial per Venator Pro, una società di caccia e rivenditore principale del marchio europeo Hillman. Grazie all'esperienza di una vita intera passata in campagna, la passione, l'entusiasmo e il rispetto per la vita all'aria aperta e la caccia di Linda vengono condivisi tra la sua scrittura e la sua fotografia.

Per ulteriori informazioni su Linda Mellor, visita il  sito Web di Linda Mellor , Twitter (LindaMellor) e instagram (linda_mellor).

Valuta questo articolo
5 (2 valutazioni)
Questo articolo è disponibile anche in queste lingue:
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.