2.3

Tecnica di tiro dinamico e IPSC: la transizione

La corretta sequenza dei movimenti per la transizione in 4 punti

Posizione di partenza tiro dinamico
La posizione di partenza: il bersaglio è stato colpito e il tiratore deve effettuare la transizione su quello seguente. 

La transizione è una delle fasi del tiro dinamico dove la maggior parte dei tiratori perdono più tempo, e come ormai avrete capito, il tempo è essenziale come la precisione. Detto in parole semplici, “transizione” significa mirare il bersaglio e mantenere la mira finché il colpo non viene sparato.

In dettaglio è il risultato dell'applicazione di questi quattro punti:

  1. Il bersaglio viene individuato dallo sguardo.
  2. La pistola viene puntata sul bersaglio.
  3. Controllo dell'allineamento delle mire.
  4. L'arma rimane puntata sul bersaglio fino a che non è stato colpito. 
Tecnica di tiro dinamico mettere a fuoco il bersaglio
La transizione inizia mettendo a fuoco il nuovo bersaglio. A seconda di quanto I bersagli siano vicini tra di loro può bastare uno sguardo fulmineo. In ogni caso lo sguardo deve sempre precedere l'arma sul nuovo bersaglio. 

C'è da precisare che quando parliamo di individuare visivamente il bersaglio (punto 1) non intendiamo un nuovo bersaglio o l'intera sagoma IPSC, ma ci riferiamo al concentrare l'attenzione sul punto esatto che volete colpire, ad esempio il centro della zona A o il centro di calibrazione di un classico Popper. La pistola segue sempre lo sguardo – in senso positivo ma anche negativo, quindi guardate attentamente e concentratevi sul punto che volete colpire, quindi allineate su quel punto la vostra pistola. L'efficacia di questo principio è facile da dimostrare con un esempio alla portata di tutti. Se siete seduti al PC e volete aprire una cartella con un click del mouse, prima guarderete dove si trova la cartella e quindi porterete il cursore del mouse su di essa. Se, d'altra parte, dovessi tenere gli occhi puntati sul puntatore del mouse, non solo avresti problemi a trovare la cartella, ma saresti anche più lento a muoverti. A proposito, l'esercizio fisico è un'altra buona parola chiave. Sebbene dovremmo sforzarci di raggiungere rapidamente gli obiettivi di transizione, i movimenti bruschi della pistola dovrebbero essere evitati il ​​più possibile perché possono disturbare il campo visivo. Quindi è necessario un corretto equilibrio tra la rapidità del movimento e l'arresto improvviso. In ogni caso si deve evitare di superare il bersaglio. Come già menzionato nel capitolo sulla postura corretta, le gambe possono essere utilizzate anche per aiutare la transizione del bersaglio. Questo di solito ha senso per transizioni del bersaglio superiori a 45 gradi.

Prendere la mira nel tiro dinamico

Tecniche di tiro dinamico: rotazione delle anche
Soltanto dopo che il nuovo bersaglio è stato individuato, la pistola va a cercarlo. La rotazione è a solo livello delle anche. 

Dopo esserci occupati dei movimenti per la transizione del bersaglio, è il momento della fase di mira. Si tratta di un argomento molto complesso e dipendente da molti fattori (quali la posizione e la disposizione dei bersagli, l'esperienza del tiratore, il tipo di organi di mira). In questo contesto “mirare il bersaglio” può significare qualsiasi cosa, da un fulmineo lampo del mirino in fibra ottica a un perfetto allineamento  eseguito con relativa calma. È essenziale che vi alleniate in modo da poter scoprire quanto tempo vi serva per colpire il punto mirato in modo accettabile su bersagli in diverse posizioni e distanze. Se il bersaglio si trova a meno di sette metri il colpo può idealmente essere sparato immaginando una linea che dall'occhio dominante va al centro del bersaglio. In linea di principio non è necessario soffermarsi sul bersaglio e la messa a fuoco deve andare all'indietro, dal bersaglio agli organi di mira. Parlando di messa a fuoco, i nostri occhi possono vedere nitidamente un solo oggetto alla volta, che questo sia il bersaglio o il mirino (usando mire metalliche il discorso vale per tacca di mira e mirino). Benché la messa a fuoco debba essere generalmente mantenuta sugli organi di mira, nel tiro IPSC si usa anche la tecnica del “target focus” che prevede appunto di concentrare il fuoco sui bersagli statici a breve distanza. Come per tante altre cose, il segreto è provarci.

Tiratore durante la posizione di tiro
La velocità della transizione può essere aumentata aiutandosi con il movimento delle gambe.
Tiratore pronto per il tiro
Come in ogni transizione, la testa si muove per prima in direzione del bersaglio (1). Quindi il corpo si allinea alla direzione del bersaglio con una torsione del ginocchio esterno (2).  
Tecnica tiro dinamico. Posizione finale
La posizione di fuoco finale con l’inclusione delle gambe nel processo di transizione.

Errori frequenti nella transizione del bersaglio

L'obiettivo deve essere mirato finché non è stato colpito. Questo può sembrare ovvio, ma prima o poi per ottimizzare la transizione sarete tentati semplicemente di "spazzolare" la pistola verso gli altri bersagli. Quindi la pistola praticamente non si fermerà mai sul bersaglio. Non è quello che vogliamo. L'obiettivo è di far transitare la pistola esattamente da un obiettivo a quello successivo e di fermarla lì. Semplicemente "spazzare" porta solo a colpi scadenti, se non addirittura mancati. Un altro errore comune a questo proposito è che l'occhio è già puntato sul prossimo bersaglio prima che il tiro precedente sia completato. Siate disciplinati e attendete il feedback visivo necessario per capire se il bersaglio è stato colpito e poi spostate gli occhi sul bersaglio successivo.

Come allenarsi correttamente per la transizione

Anche la transizione deve essere affinata con l'allenamento in bianco. Tenete presente che nell'allenamento in bianco non c'è l'effetto del rinculo e nemmeno il feedback, quindi è inevitabile che si sia un po' troppo veloci nello spostare la pistola da un bersaglio all'altro, oppure che si tenda a mirare un po' approssimativamente. Quindi quando vi allenate siate onesti con voi stessi se non volete sopravvalutare le vostre effettive capacità. In parole semplici: allenandosi in bianco sembra tutto più facile. Un buon sistema per allenarsi in bianco è dotarsi di uno dei sistemi Laser disponibili sul mercato a prezzi ragionevoli. Variate le distanze dei bersagli e le loro dimensioni. In questo modo imparerete ad adattarvi velocemente a drastici cambiamenti nella difficoltà e velocità. 


Qui trovate le puntate precedenti della nostra guida al tiro dinamico e IPSC

Valuta questo articolo
2.3 (3 valutazioni)
Questo articolo è disponibile anche in queste lingue:
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.