3

Tecnica di tiro dinamico e IPSC: il cambio della posizione 

Per la nostra ultima puntata abbiamo deciso di affrontare un argomento molto importante nel tiro IPSC: entrare e uscire dalla posizione di sparo. Il movimento è una costante delle gare IPSC (con l'eccezione di alcuni rari esercizi statici con meno di 12 colpi) sia che si tratti di compiere pochi passi o di correre per diversi metri. Ma non preoccupatevi. Ciò non significa che dovrete possedere le qualità di un velocista olimpico. Ciò che i maestri del nostro sport portano alla perfezione, tuttavia, è lo sfruttamento coerente degli spazi per il movimento. Sanno come utilizzare efficacemente la finestra temporale quando si entra in una posizione per sparare ai bersagli o si lascia, trascorrendo quindi il minor tempo possibile in una posizione statica. Spesso questo potrebbe non sembrare così dinamico come un tiratore che scatta da posizione a posizione e poi sparare da fermo sui bersagli. Ma alla fine è un metodo che fa risparmiare molto tempo. Soprattutto dal momento che un'eccessiva accelerazione tra due posizioni può a sua volta causare altri problemi (in particolare, è necessario decelerare più bruscamente prima della nuova posizione).

Sequenza di immagini e varie posizioni prima del tiro
Appena prima di raggiungere la posizione di tiro, la pistola viene riportata in posizione di sparo e inizia la mira. A seconda del grado di difficoltà del tiro, si può anche sparare mentre si è in movimento. I gomiti angolati, la postura bassa e le ginocchia piegate danno stabilità quando si spara. Inoltre, le ginocchia piegate smorzano le vibrazioni quando si frena una volta raggiunta la posizione. È importante che le ginocchia rimangano stabili anche nella nuova posizione di tiro; particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla posizione del piede. Questo diventa tanto più importante quando di devi lasciare questa posizione di nuovo. I piedi dovrebbero essere sempre posizionati in modo tale da poter supportare lo sprint verso una nuova posizione.  

Tre aspetti del perfetto cambio di posizione

Prima di affrontare alcuni concetti importanti sul tema del cambio di posizione, è necessario innanzitutto sottolineare che le abilità di base (come l'estrazione della pistola, il cambio di caricatore, il controllo del grilletto, ecc.) dovrebbero essere già padroneggiate in sicurezza. Come si può, ad esempio, essere in grado di allontanarsi rapidamente dalla posizione di partenza mentre contemporaneamente si estrae la pistola, se l'estrazione statica causa problemi? In linea di principio, il cambio di posizione riguarda tre cose:

  1. Dovete essere in grado di sparare il più velocemente possibile una volta raggiunta la posizione di sparo.       
  2. Dovete assumere la corretta postura di sparo una volta in posizione.    
  3. La postura di sparo deve essere abbandonata al più presto. 

Di questi punti, il secondo in particolare è di grande importanza . In ogni posizione, la stessa postura di tiro (con le ginocchia piegate e il centro di gravità leggermente spostato in avanti) deve essere ripreso. Pertanto, lo sparo non deve essere influenzato né dal cambiamento di posizione, né da quando si lascia la posizione. Dopo che tutti i bersagli sono stati colpiti dalla posizione di tiro, si passa senza ulteriori esitazioni verso la nuova . Alcuni passi prima di raggiungere la nuova posizione di tiro si deve rallentare il ​​ritmo e riportare la pistola nella posizione di mira. Nel frattempo, le ginocchia fungono da ammortizzatori e sarà il perfetto allineamento delle mire sul bersaglio a dirvi quando ricominciare a sparare.

Situazioni particolari richiedono adattamenti 

Posizioni durante il tiro dinamico
Per distanze maggiori, si consiglia di staccare la mano debole dalla pistola, in quanto ciò consente di spostarsi più dinamicamente (1). Durante l'inizio del cambio di posizione, gli occhi vengono indirizzati alla nuova posizione (2). Qualche passo prima della nuova posizione, la mano debole viene riportata verso la pistola e quest'ultima viene sollevata all'altezza degli occhi (3). Ora gli occhi sono diretti al primo bersaglio da colpire nella nuova posizione e la pistola è portata in punteria (4). Il peso principale durante la stabilizzazione della parte superiore del corpo, inclusa la fase di puntamento, poggia sulle ginocchia (5). Il bersaglio è inquadrato dalle mire e, a seconda del grado di difficoltà, colpito mentre si è ancora in movimento per minimizzare il tempo di sosta statico in posizione (6).

Questo descrive in modo generale il processo di cambio di posizione. Tuttavia ci sono alcune variabili che richiedono aggiustamenti. Le variabili includono, ad esempio, la distanza tra le posizioni da cui si spara, la difficoltà del bersaglio, un cambio di caricatore necessario o una postura di tiro forzata che ne rende difficile il cambio. Se presterete attenzione ai seguenti punti, padroneggerete con successo questi cambiamenti. Non appena si tratta di entrare o lasciare una posizione in modo rapido ed efficiente, saranno gli organi di mira a dirci chiaramente cosa fare. Se tacca e mirino non sono sul bersaglio dopo il cambio di posizione, significa che la pistola non è stata alzata con sufficiente velocità. Lasciare una posizione senza avere avuto un corretto allineamento dell'arma significa  che probabilmente hai mancato il bersaglio (miss).

Tiro ai bersagli mentre si è in movimento
Sparare ai bersagli mentre si è in movimento è molto difficile e dovrebbe essere fatto solo durante un match in cui ci si senta in grado di muoversi velocemente e in modo aggressivo senza perdere troppi punti. Altrimenti non ne vale la pena e si consiglia di sparare  ai bersagli in modo statico. Il segreto per sparare in movimento sta nell'uso efficace delle ginocchia come ammortizzatori. Con una sufficiente flessione delle ginocchia, la vibrazione è bilanciata durante la corsa e la parte superiore del corpo è stabilizzata.  

Se gli organi di mira non sono sul bersaglio mentre sei in movimento, sicuramente hai trascurato la posizione delle tue ginocchia. Non importa cosa, tacca e mirino ci dicono sempre cosa sta succedendo. Già alcuni passi prima di raggiungere la nuova posizione dovresti prepararti a sparare, motivo per cui entrambe le mani devono stringersi attorno alla pistola. Per questo motivo per ottimizzare il tempo è consigliabile non rompere la normale postura di tiro e tenere entrambe le mani sulla pistola se dobbiamo percorrere solo brevi distanze. In caso si tratti di corsa più lunga, tuttavia, è più utile staccare la mano debole dalla pistola per facilitare la corsa. Puoi anche rendere la posizione più esplosiva se focalizzi gli occhi sulla nuova posizione. Inoltre, i movimenti laterali dovrebbero essere evitati a tutti i costi, piuttosto dovresti sempre camminare con i fianchi orientati nella direzione del movimento, perché in questo modo puoi andare più veloce. Se un cambiamento di caricatore è imminente durante l'esercizio, inevitabilmente verrà sollevata la questione cruciale se la priorità sia il cambio del caricatore o il movimento. Noi raccomandiamo (con la sola eccezione delle distanze davvero molto brevi) di dare sempre la priorità alla velocità nel cambio della posizione di sparo. Per nessun motivo si deve rallentare il passaggio da una posizione all'altra per cambiare il caricatore. Alla fine, un suggerimento importante per sparare in movimento: dovete sentirvi sicuri di riuscire a colpire il bersaglio in modo preciso e aggressivo. Altrimenti non ne vale la pena e a questo punto è meglio fermarsi e sparare da una posizione statica. Non c'è nulla di male, basta essere consapevoli delle proprie capacità reali, e tutto questo è più facile se si ha una sana autovalutazione della propria abilità nel tiro.

Pistola sempre in posizione sicura
Durante tutti i movimenti, la pistola deve sempre puntare in una direzione sicura. Quando si sposta lateralmente a destra, una persona destrorsa deve solo girare la mano forte e la pistola può rimanere all'altezza degli occhi (1). Ciò garantisce che la pistola sia sempre visibile durante il cambio di posizione. Nella direzione opposta, l'intero braccio della mano forte deve essere girato nella direzione di sicurezza (2). L'anca (3) è orientata nella direzione del movimento: in questo modo potrete muovervi molto più velocemente rispetto a quando effettuate degli spostamenti laterali.
Sequenza di movimenti in direzione opposta alla parete posteriore.
Particolarmente impegnativi sono i movimenti nella direzione opposta alla parete posteriore, poiché qui l'allineamento del corpo e l'allineamento sicuro della canna della pistola si contrappongono. A seconda che sia necessario tornare indietro a sinistra o destra, la pistola può essere tenuta con il braccio esteso (1) o sopra la spalla della mano debole, puntando in una direzione sicura (2).

La gestione del rischio è un fattore decisivo

Nel tiro IPSC la gestione del rischio è un fattore importante. Questo significa che, nel valutare diverse opzioni, devi sempre considerare qual è la probabilità di fallimento, e quanto hai da perdere se scegli una soluzione convenzionale, ecc. Quando si tratta di colpire bersagli in movimento, la domanda è sempre quanti punti puoi permetterti di perdere e quanto tempo puoi effettivamente risparmiare in confronto.


Qualche consiglio per le letture

Ci auguriamo che questa serie sulle tecniche IPSC di base vi sia piaciuta e che vi abbia incuriositi. A questo punto vorremmo ringraziare Britta Kobler per il sostegno logistico e fotografico Patrick Kummer per averci messo a disposizione il suo campo di tiro. Purtroppo in Italia non esistono manuali sul tiro IPSC  e la quasi totalità della manualistica esistente è in lingua inglese; noi vi suggeriamo gli eccellenti "Perfect Practice" e "Thinking Practical Shooting" di Saul Kirsch e la serie di manuali del guru americano Ben Stoeger "Practical Pistol Training", "Skills and Drills" e "Dryfire Training Reloaded".


Qui trovate le puntate precedenti della nostra guida al tiro dinamico e IPSC

Valuta questo articolo
3 (4 valutazioni)
Questo articolo è disponibile anche in queste lingue:
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.