5

Cacciare a Palla luglio 2016: tutti i contenuti del nuovo numero

Se trattata nel modo corretto, la carne di selvaggina rappresenta un alimento eccellente: il focus di Cacciare a Palla luglio 2016, in edicola dal 17 giugno, è affidato a Raffaele Liaci Pessina che affronta con taglio tecnico un argomento discusso a più riprese anche in altri settori della cultura italiana. L’esperienza del cacciatore ricopre un ruolo fondamentale nella salvaguardia dei valori nutrizionali: è necessario comprendere subito lo stato di salute dell’animale, colpire il punto giusto e provvedere in fretta all’eviscerazione del capo abbattuto.

Uno dei piatti forti della rivista è il ritorno su queste pagine di Alessandra Soresina: il suo reportage della spedizione scientifica sul fiume Ruvuma apre nuovi squarci sulla gestione della fauna e della caccia nei luoghi più remoti dell’Africa equatoriale.

Non deve essere soltanto un’esigenza del settore giornalistico: saper comunicare è fondamentale nella società contemporanea, tanto più da parte di chi ricopre un ruolo talvolta mal compreso come quello del cacciatore. Ettore Zanon e Franco Perco si affiancano nello spiegare l’efficacia di una buona comunicazione e il ruolo sociale di passioni e interessi in vista di un’adeguata gestione della fauna.

Il pezzo sulla gestione vera e propria nasce dagli atti di Exporiva Caccia Pesca Ambiente, che nell’ultima edizione ha ospitato la tavola rotonda “I cinghiali conquistano le Alpi”: i lavori sono stati aperti da Silvano Toso che ha evidenziato i motivi per cui i cinghiali sono sfuggiti di mano.

Immancabili gli appuntamenti con le rubriche ormai classiche: Antonio Zuffi dell’Urca analizza la funzione della lunga nella gestione del cane da traccia, dall’Obora Hunting Academy “Danilo Liboi” arrivano delle preziose indicazioni per il piazzamento del colpo in un abbattimento etico, Antonio Maccaferri ridefinisce il ruolo del Safari Club International – Italian Chapter nella conservazione e spiega come in passato le amministrazioni locali abbiano ostacolato due progetti di reintroduzione del camoscio alpino.

Nel pezzo sugli ungulati in Europa Ettore Zanon analizza nel dettaglio i risvolti numerici della catena alimentare: il consumo medio quotidiano di carne nella dieta di lupo e lince e studi scientifici in Scandinavia e in Polonia ci aiutano a capire l’esatta portata dell’impatto.

Cade su questo numero l’appuntamento trimestrale con The Hunting Report: Mario Nobili riporta gli abbattimenti principali registrati nelle newsletter di dicembre, gennaio e febbraio.

Al solito non mancano le storie di caccia vissuta: Gilberto Di Petta racconta il sofferto abbattimento di un ariete nel giorno del proprio compleanno, in concomitanza con la festa delle Forze Armate.

Rinnovata la rubrica dedicata all’attualità; e come sempre non manca lo spazio per news, richieste e scatti dei lettori e per l’approfondimento fotografico sulle emozioni della caccia, stavolta dedicato allo smartphone. Buona lettura.

Zeiss Victory V8 2,8-20x56: senza compromessi

due-binocoli-e-cannocchiale-su-carabina
Matteo Brogi ha provato l’allestimento più versatile dello Zeiss Victory V8 2,8-20x56: il test su Cacciare a Palla luglio 2016.

L’alto di gamma dei cannocchiali Zeiss unisce un’eccellente qualità ottica a prestazioni meccaniche straordinarie: sono numerosi i benefit tecnologici che lo pongono tra i prodotti di riferimento sul mercato. Matteo Brogi ha provato l’allestimento più versatile, utilizzabile per i tiri a tutte le distanze che si considerino accettabili.

Haenel Jaeger 10: l'essenziale

dettaglio-carabina-bolt-action-con-munizioni
Su Cacciare a Palla luglio 2016 la presentazione della bolt action Haenel Jaeger 10 a cura di Matteo Brogi.

Matteo Brogi presenta la bolt action di casa Haenel e spiega come la scelta di un’arma adatta ai contesti venatori più disparati costringa, sì, a qualche semplificazione, ma che si resti ben lontani da un impoverimento qualsiasi. 

Gunpedia, il dizionario delle sicure e degli attacchi

carabina-con-attacco-per-ottica
Cacciare a Palla luglio 2016 ospita la nuova puntata di Gunpedia, dedicata a sicure e attacchi.

Vittorio Taveggia prosegue il glossario delle armi analizzando alcune componenti fondamentali per la sicurezza e l’efficacia delle uscite venatorie.

Caccia al tahr in Nuova Zelanda: non è solo sangue freddo

cacciatore-con-tramonto-sullo-sfondo
Per Cacciare a Palla luglio 2016 Simon K. Barr ha raccontato il proprio viaggio in Nuova Zelanda alla ricerca del tahr.

Qualcuno la definisce “l’Arca di Noè dei cacciatori”: agli antipodi del mondo a noi più conosciuto si trovano degli animali che ingolosiscono chi vuol variare i propri obiettivi. È il caso del tahr, abbattuto da Simon K. Barr grazie anche all’utilizzo di tecnologie di ultima generazione.

Ippopotami in Tanzania: kiboko, una furia inarrestabile

due-cacciatori-dietro-ippopotamo
Il piccolo safari in Tanzania di Matteo Fabris si chiude con l’abbattimento di un ippopotamo: il racconto su Cacciare a Palla luglio 2016 all’interno della rubrica “Un mondo di caccia”.

Matteo Fabris racconta l’abbattimento di un ippopotamo nella Selous Game Reserve: si tratta di uno dei grandi dangerous seven, uno degli animali più temuti dai cacciatori che praticano safari.

Valuta questo articolo
5 (1 valutazione)
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.