5

Restrizioni UE: parla la FACE

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato-stampa della FACE relativo agli ultimi sviluppi in sede europea


Il Consiglio dell'Unione Europea attacca tiratori e cacciatori

 

La Presidenza olandese propone restrizioni sulle armi di Categoria D e sulle riproduzioni di armi antiche, attualmente non regolamentate a livello UE, al contempo obbligando i tiratori ad iscriversi alle federazioni ufficialmente riconosciute.

Replica moderna di arma antica ad avancarica a polvere nera Leman calibro .52
Non ci sono solo le armi d'aspetto militareggiante e i caricatori, nel mirino... la Presidenza olandese mira a molto di più!

In nome della "lotta al terrorismo e al crimine organizzato", la Presidenza olandese di turno dell'Unione Europea propone la messa al bando delle repliche moderne di armi antiche ad avancarica e l'eliminazione della Categoria D, con l'imposizione di restrizioni repressive all'intera categoria dei tiratori sportivi.

 

Nel suo più recente tentativo di raggiungere i risultati sperati prima della scadenza del suo semestre, e senza la minima concertazione, la Presidenza olandese ha preso di mira i cacciatori tramite la rimozione della clausola che esclude dai dettami della direttiva europea le riproduzioni ad avancarica a colpo singolo di armi antiche, attualmente utilizzate in molti Paesi da cacciatori, tiratori sportivi, collezionisti, ed appassionati di rievocazione storica.

Lo stesso approccio restrittivo viene adottato verso i tiratori sportivi, con l'imposizione di nuove limitazioni alla capacità dei tiratori e l'imposizione dell'iscrizione ad un'associazione sportiva, condizionale alla partecipazione a gare ufficiali.

 

Chi potrebbe mai credere che la soppressione della Categoria D e il divieto delle riproduzioni di armi antiche possa apportare un contributo significativo alla lotta contro il crimine organizzato e il terrorismo? Nessun documento ufficiale dimostra che le repliche ad avancarica costituiscano un pericolo per la società e per la sicurezza. I criminali che usano Kalashnikov a raffica e i trafficanti che riforniscono i terroristi sul mercato nero non verranno minimamente colpiti da queste nuove restrizioni − il cui prezzo sarà pagato solo dai cittadini onesti, possessori legittimi di riproduzioni ad avancarica ed armi a colpo singolo.

Serie di fucili a canna liscia basculante a colpo singolo
Negli ultimi documenti del GENVAL si parla di imporre restrizioni alle armi di categoria D, molte delle quali oggi sono "libere" in Italia e in altri Paesi

La messa al bando delle repliche avrà un impatto economico considerevole, in quanto tali armi sono vendute attualmente in maniera libera in Paesi membri come Francia, Germania, Polonia, Ungheria, Estonia, Lituania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Italia, ove occupano una porzione importante del mercato. Tali restrizioni porterebbero immediatamente al fallimento decine di piccole e medie imprese e porterebbero alla disoccupazione di migliaia di cittadini europei.

Inoltre i 12 milioni di legittimi detentori di questo tipo di armi dovranno sottoporsi a restrizioni ulteriori, che comporteranno un aggravio per le Autorità in fatto di gestione delle relative pratiche amministrative.

 

Inoltre, la Presidenza olandese sta tentando di ottenere lo spostamento nella Categoria C di tutte le armi a colpo singolo a canna liscia, di tutte le armi a salve e delle armi disattivate. Tale ampliamento della Categoria C, non essendo dettato da prove che dimostrino la pericolosità di queste armi, è da considerarsi totalmente inaccettabile.

 

Le conseguenze sulle amministrazioni statali delle restrizioni descritte non può essere calcolato, data la mancanza di una valutazione dell'impatto di tali norme, ma di sicuro esse porterebbero all'intasamento dei sistemi di gestione delle denunce d'armi per molti anni a venire, nonché a un aumento dei costi amministrativi.

 

È opinione della FACE che queste misure inutili e draconiane non potranno che provocare la collera di milioni di cittadini europei che non potranno fare a meno di chiedersi perché l'UE non si occupi, invece, di temi che potrebbero veramente portare benefici alla pubblica sicurezza − quali la tracciabilità delle armi, la loro disattivazione in maniera irreversibile e l'interconnettività delle banche-dati dei Paesi membri.


Commento di Pierangelo Tendas

Finalmente il mondo della caccia si sveglia e decide di unirsi alla lotta che gli appassionati di armi sportive moderne (quelle attualmente inserite nella Categoria B7) stanno portando avanti da novembre. La speranza, tuttavia, è che il mondo della caccia (e la relativa industria) vogliano unirsi alla lotta con il giusto spirito: quello di unità e collaborazione.

Tiratore con fucile a leva Henry Big Boy calibro .45-70 Government
Riusciranno i cacciatori e l'industria a capire che queste minacce servono essenzialmente a spingerli ad abbandonare tutti gli altri e spaccare il fronte?

Pare troppo evidente, ad una mente smaliziata, che il ragionamento dietro le proposte restrittive sulle armi "libere" e su quelle di Categoria D sia il seguente: "Il fronte dell'opposizione è troppo unito, quindi se minacciamo di colpire le armi a colpo singolo, le avancariche e le altre armi 'libere', i cacciatori e l'industria abbandoneranno il campo e accetteranno un compromesso che ci permetta di mettere al bando le B7."

È un vero peccato, per loro, che noi abbiamo capito da tempo che se gli lasciamo mettere al bando le B7, tutte le altre verranno in seguito.

Vi invitiamo ancora una volta a leggere, scaricare e seguire il comunicato d'invito all'azione lanciato dalla rete europea di FIREARMS UNITED lo scorso 31 maggio!

Istruttore che introduce un giovane al tiro con carabina ad aria compressa
Questa mossa potrebbe essere stata studiata per spaccare il fronte dell'opposizione, inducendo alcuni a cercare di ottenere vantaggi a scapito di altre categorie di tiratori... è necessario rispondere mostrando unità!

Sullo stesso tema vedi anche:

Valuta questo articolo
5 (4 valutazioni)
Questo articolo è disponibile anche in queste lingue:
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.