Il Mestolone: Caccia, migrazione, munizioni, consigli utili

DESCRIZIONE


Nome comune

Mestolone

Nome scientifico


Anas clypeata

Classificazione



- Classe: Uccelli 
- Ordine: Anseriformi
- Famiglia: Anatidi 
- Genere: Anas
- Specie: Clypeata 

Caratteri distintivi



Anatra di medie dimensioni, è inconfondibile nell'emisfero settentrionale a causa del suo grande becco a forma di spatola. Durante il periodo dell'eclisse il maschio è riconoscibile per avere la parte superiore del corpo, capo e becco più scuri. 

Il maschio giovane assomiglia molto alla femmina, anche se le ali dei giovani risultano più brillanti. In volo il mestolone è facilmente identificabile dai colori brillanti e bianchi del maschio, ma anche dal grosso becco evidente anche da lontano 

Caratteristiche

della specie



Specie migratrice, la deposizione delle uova inizia a metà aprile, tra erbe e giunchi sempre nei pressi di qualche specchio d'acqua. 
Le femmine tornano spesso a nidificare negli stessi territori degli anni precedenti. 
È un'anatra molto territoriale, il maschio durante la deposizione delle uova difende l'area con molto accanimento. 
Le uova, in media da 9 a 11, sono di colore variabile dal bruno al verde oliva pallido 


Continente di origine



Eurasia e America Settentrionale 

Habitat naturale


Frequenta prevalentemente praterie e le steppe nel periodo pre-nuziale nuziale, sverna generalmente nelle aree con climi temperati e mai sopra il livello del mare, preferendo acque basse e libere da vegetazione emergente. 
Sosta volentieri anche nelle aree con folti canneti dove può alimentarsi agevolmente in superficie 


Paesi in cui è diffuso



Dall'Islanda, ai paesi dell'Europa settentrionale, Scandinavia, Russia e Siberia dove nidifica


Diffusione


È una specie che ha ampliato il suo areale sia verso nord che verso ovest. 
Sverna ampiamente nell'area mediterranea e fino all'equatore, lungo la valle del Nilo. Ma anche in India e Asia del sud e fino al Giappone 


Paesi in cui si caccia



Europa, America Settentrionale 

Condizioni climatiche
di caccia



 Tipiche autunnali e invernali 

Tipologia di caccia


  1. da appostamento fisso con richiami 
  2. da appostamento estemporaneo in prossimità delle zone umide

Golden retriever
Golden retriever, ottimo cane per il recupero delle anatre dall'acqua
Labrador retriever
Labrador retriever

CANI DA CACCIA


Cani da riporto

Springer Spaniel, Labrador, Golden retriever , Drathaar 


Solognac Taiga
Pile Solognac Taiga
Aigle Weekly
Guanti Aigle Weekly

ABBIGLIAMENTO


Calzature


Stivali in caucciù  al polpaccio per le zone solo acquitrinose. A tutta coscia per quei territori più decisamente paludosi, e dove in ogni caso è spesso necessario guadare.  

Per la stagione fredda, preferire quelli con doppio spessore interno di neoprene termico, sia alti che bassi


Pantaloni


Colore: verde, marrone o camo

Genere: comodi ma non troppo larghi. Ottimi quelli in cotone per l’autunno, da sostituire con quelli imbottiti all’interno e impermeabili fuori nelle giornate invernali 

Camicie


Colore: verde, marrone

Genere: in cotone, nella stagione fredda preferire quelle di caldo fustagno. In alternativa, quando si caccia fra le brina e le più gelide nebbie, ottimo anche il micro pile. Con freddo e tempo asciutto, consigliabile sempre un buon pile al posto del maglione di lana, le cui fibre finirebbero per essere troppo facilmente sfilacciate dalle tipiche essenze vegetali palustri

Gilet e trisacche



Nelle  giornate autunnali, sono utili sopra un maglione o un pile 

Giacche



Colore: verde, marrone o camo

Genere: la giacca ideale sarà impermeabile ma leggera in autunno, capace altresì di garantire un’efficiente traspirazione in ambienti freddi e umidi. Comoda, per consentire i tiri d’imbracciata.  

Per l’inverno, prediligere giacconi  in canvas, kevlar o gore-tex  impermeabili e traspiranti oltre che caldi


Underwear



Capi tecnici e aderenti per le gelide mattine invernali, in materiali traspiranti che favoriscano la traspirazione

Cappelli/berretti


Berretti con visiera per l’autunno e berretti in pile, lana o materiali impermeabili per l’inverno. L’essenziale è che siano in tinta con l’ambiente per la caccia a questi diffidenti selvatici 

Altro


Guanti, necessari in inverno, in micropile o materiali impermeabii, importante che sano aderenti e caldi per non ostacolare la sensibilità nelle operazioni di tiro e riarmo 


Note



Il colore della pelle è estremamente allertante, retine mimetiche per la copertura del volto, vengono spesso utilizzate nella caccia da appostamento 


Beretta A400 Xtreme Synthetic
Beretta A400 Xtreme Synthetic
Caesar Guerini Tempio
Caesar Guerini Tempio

ARMI


Tipologia

I semiautomatici in calibro 12 (anche nella loro versione magnum), in tutte le cacce agli anatidi sono i fucili d’elezione, per la possibilità di ammortizzare il contraccolpo delle pesanti cariche sparate, per la maggiore precisione nei tiri dalle lunghe distanze e per il colpo in più che in questa caccia può risultare utile o necessario per non perdere animali feriti, estremamente coriacei. Nella caccia vagante con i cani anche i basculanti possono trovare impiego in situazioni di tiro completamente diverse


Esempi

Semiautomatici: Fabarm XLR Composite, Bernardelli Levriero, Browning A5, Beretta A 400 Xtreme Synthetic, Benelli Raffaello Power Bore 

Sovrapposti: Sabatti Olimpo EA, Caesar Guerini Tempio  

Doppiette: Siace Elegance  


Baschieri & Pellagri Mythos Valle Special 
Baschieri & Pellagri Mythos Valle Special cartuccia da 37 grammi caricata con pallini del n. 5 ottima soluzione in prima canna per le anatre
Rottweil Steel Game Magnum
Rottweil Steel Game Magnum, cartuccia da 36 grammi senza piombo con pallini in ferro dolce ecologici del n. 4

MUNIZIONI


Calibri

Sono obbligatorie ormai in tutti i paesi munizioni di acciaio per la caccia nelle zone umide. Le cariche per  la caccia a questa anatra dalle dimensioni medio-piccole dovranno essere quelle standard per un calibro 12 da 36 grammi a un massimo di 40. Cariche pesanti si dimostrano utili in II o III canna sia per le distanze, che per le difficili condizioni climatiche e ambientali che riducono il rendimento termico e balistico della carica di polvere. Il numero dei pallini varia dal numero 6 o 5 in rima canna, ottimo anche per la caccia vagante, per scendere fino al numero 4


Tipologia

Molto efficienti per gli ambienti lacustri sono le cartucce in tungsteno, più denso di acciaio e piombo e con una maggiore capacità di penetrazione.

Consigliabili: Rottweil Ultimate, Rottweil Steel Line Winchester Blind Side 


ROC Import - Ruby
Ruby il mirino in fibra ottica ad alta visibilità
Beretta Game Keeper gauge 12
Beretta Game Keeper gauge 12

ACCESSORI


Cartuccera

Negli ambienti acquatici può risultare molto utile per evitare di perdere o danneggiar le munizioni. Meglio qui quelle in cordura, più leggere, a numero di celle non certo esagerato


Mirini in fibra ottica

Mirini in fibra ottica di vari colori fluorescenti possono risultare molto utili da applicare ai fucili nella caccia agli acquatici per effettuare con maggiore precisione il tiro. Solitamente questa caccia si svolge nelle primissime ore del giorno o in giornate dalle difficili condizioni meteo con relativa scarsa visibilità, le mire in fibra ottica aiutano il cacciatore a identificare meglio il bersaglio 


Stampi

Riproduzioni solitamente in plastica o legno di anatre disposti dai cacciatori negli specchi d’acqua nei pressi degli appostamenti per allestire la tesa

Valuta questo articolo
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.