5

Bando delle armi B7, la Commissione Europea perde ma non molla...

Bruxelles, 20 dicembre 2016, l’ufficio stampa della Commissione Europea ha pubblicato un comunicato la chiusura del trilogo sulle proposte di modifica della legge europea in materia di armi. Come i nostri lettori ricorderanno, la Commissione Europea ha dichiarato una vera e propria guerra alle carabine semiautomatiche della categoria B7 insistendo sulla loro presunta pericolosità sociale. Pur non avendo alcun dato statistico a favore di questa tesi, i burocrati di Bruxelles sembrano non voler cedere, e mentre il cuore stesso dell’Europa è ancora una volta colpito dal terrorismo “disarmato”, hanno diffuso il comunicato stampa che riportiamo integralmente qui di seguito, nel quale senza alcuna traccia di autocritica, lasciano intendere di avere raggiunto risultati molto inferiori di quelli sperati. Restiamo in attesa del testo definitivo dell’accordo, che probabilmente sarà diffuso a fine gennaio. Ma ecco che cosa dice la Commissione Europea:

La Commissione Europea si lecca le ferite
Le carabine di tipo B7 sono il peggior incubo dei legislatori europei, anche se la loro pericolosità non è mai stata dimostrata

“Dopo un anno di discussioni, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno raggiunto un accordo politico provvisorio sulla direttiva armi da fuoco.
La Commissione ha proposto una revisione delle attuali norme comunitarie in materia di armi da fuoco il 18 novembre 2015 per rendere più difficile acquisire legalmente armi ad alta capacità nell'Unione europea, per permettere una migliore tracciabilità delle armi da fuoco legalmente detenute, riducendo così il rischio di dirottamento verso mercati illegali, e rafforzare cooperazione tra Stati membri.
Il presidente Jean-Claude Juncker ha dichiarato: "Abbiamo lottato duramente per un accordo ambizioso che riduce il rischio di sparatorie nelle scuole, campi estivi o attacchi terroristici con armi da fuoco legalmente detenute. Naturalmente avremmo voluto andare oltre, ma sono fiducioso che l'attuale accordo rappresenta una pietra miliare nel controllo delle armi nella UE".

L'accordo politico provvisorio conserva la maggior parte di ciò che la Commissione aveva proposto, come ad esempio il divieto di vendita per armi da fuoco automatiche trasformate in armi da fuoco semi-automatiche, l'inclusione di collezionisti e musei nel campo di applicazione della direttiva, la regolamentazione delle armi per segnalazione acustica e allarme, la regolamentazione delle vendite su Internet, la regolamentazione delle armi disattivate e un maggiore scambio di informazioni tra gli Stati membri.

Allo stesso tempo, la Commissione si rammarica che alcune parti della proposta originale non sono state sostenute dal Parlamento e dal Consiglio. La Commissione aveva proposto un maggiore livello di controllo, con il divieto assoluto di vendita e detenzione delle più pericolose armi da fuoco semi-automatiche, tra cui tutte le armi da fuoco semi-automatiche della famiglia AK47 o AR15 e un divieto di detenzione di armi d'assalto per i collezionisti privati. La Commissione deplora inoltre che la capacità dei caricatori  non è stata limitato a 10 colpi per tutte le armi semi-automatiche.
Tuttavia, considerando che il pacchetto complessivo è un miglioramento rispetto alla situazione attuale, la Commissione può accettare il compromesso raggiunto.

La Commissione Europea si lecca le ferite
E se fossimo noi a mettere al bando la Commissione Europea?

Insieme alle norme tecniche che introducono regole armonizzate e rigorose per la disattivazione delle armi da fuoco, che sono direttamente applicabile dall'aprile 2016, la direttiva armi da fuoco ridurrà la probabilità che armi pericolose, ma legalmente detenute, cadano nelle mani di criminali e terroristi.
Antefatto
L'accordo politico raggiunto preliminare da parte del Parlamento europeo, del Consiglio e della Commissione all'inizio di dicembre è stata confermata dai rappresentanti permanenti degli Stati membri dell'Unione europea (Coreper) il 20 dicembre. Ora è soggetto a conferma da parte della Commissione per il mercato interno del Parlamento europeo nella riunione di gennaio, e, successivamente, ad un voto in assemblea plenaria del Parlamento europeo e l'approvazione formale da parte del Consiglio dei ministri dell'UE.

La sicurezza è stato un tema costante dall'inizio del mandato di questa Commissione, da orientamenti politici del Presidente Juncker di luglio 2014 per l'ultimo discorso sullo Stato dell'Unione del settembre 2016.
Sparatorie di massa e attacchi terroristici in Europa hanno messo in evidenza i pericoli posti dalle armi illegali e legali che circolano in tutta l'UE.
Sulla base dell'agenda europea per la sicurezza adottata nell'aprile 2015, in autunno il 2015 la Commissione ha presentato una serie completa di proposte per restringere l'acquisizione del diritto e possesso di armi da fuoco, così come un piano d'azione per indirizzare il traffico illecito di armi da fuoco ed esplosivi.
http://europa.eu/rapid/press-release_IP-16-4464_en.htm

Valuta questo articolo
5 (7 valutazioni)
Questo articolo è disponibile anche in queste lingue:
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.