4.3

Verso l'Accademia Italiana del tiro a lunga distanza

immagine satellitare
Immagine satellitare del luogo dove si è svolta la gara

Cento su cento. Gran punteggio? Certo, ma ad averci emozionati non è tanto il successo di un singolo quanto, piuttosto, quello di un’intera comunità.

Comunità cittadina quella che ha curato l’organizzazione dell’evento e l’ospitalità degli avventori ma, soprattutto, una comunità sportiva, più ampia, composta da soggetti di ogni provenienza raccolti intorno ad un progetto che ha mostrato, a chi era presente, bontà realizzativa e incoraggianti prospettive di crescita.

Le potenzialità future? Notevoli se, come pensiamo, vi sarà un consolidamento.

Fondamentale, per approdare ad un successo di ampia portata, la partecipazione dei protagonisti del mondo armiero, che in questo caso erano la Fiocchi Munizioni SpA di Lecco e la Fabbrica d’Armi Sabatti di Gardone Val Trompia. Un trionfo, dunque, di italianità.

La persona a cui si deve ricondurre l’idea del trofeo è Giorgio Pagani, responsabile del Reparto Caricamento Cartucce Speciali di Fiocchi Munizioni, nostra guida all’interno del Custom Shop dell’azienda lecchese quando abbiamo realizzato il reportage sulle munizioni speciali “Perfecta”.

Il suo ruolo è stato fondamentale per la buona riuscita dell’iniziativa e la sua opera, analizzata, può essere suddivisa in tre parti, posto che alla base di essa c’è senza dubbio la determinazione a sostenere, quando ben realizzati, i prodotti italiani.

La prima fase, iniziata in là nel tempo, è stata quella che potremmo definire “di indagine” ed ha trovato attuazione in una serie di esperienze con vari strumenti di tiro di precisione, in vari luoghi, alla ricerca dell’arma, del poligono, dei tecnici più validi.

bandiera Samnium Shooting Club
Il vessillo del Samnium Shooting Club

Nel frattempo proseguivano i test delle “Perfecta”, attualmente le migliori munizioni da competizione in circolazione. Presi i primi contatti con l’azienda Sabatti, che nel frattempo aveva perfezionato il progetto “Multiradial”, sono iniziati i primi test portati avanti, in parallelo, da Alberto Panza e Ugo Pelosi del Samnium Shooting Club.

L’estate scorsa sono avvenute le prime prove con tutta la squadra riunita a Cerreto Sannita e, conquistata la piena consapevolezza di poter far bene, è iniziata la terza fase, quella propriamente organizzativa dell’evento.

Dal nostro punto di vista il successo era preannunciato. Il motivo? Le risorse radunate si sono dimostrate, ognuna, d’alto livello: arma, munizioni, poligono, località ospite, persone coinvolte.

Degna di nota infine, in riferimento agli ultimi tre punti, la scelta dell’innovazione: molti si sarebbero affidati ai soliti volti nei soliti luoghi ma, in questo caso, la consuetudine ha lasciato spazio alle novità, ovviamente piacevoli.

Il “Modello Cerreto”

Le opere di una certa consistenza richiedono ingenti sforzi e questi, a loro volta, una buona dose di volontà.  Legittimo interrogarsi, dunque, su quale possa essere l’elemento cardine del complesso di risorse organizzative necessarie a portare i propri progetti a degna conclusione. Risposta semplice: la passione.

 

Il caso di cui scriviamo non fa eccezione ed è Alberto Panza, vincitore del trofeo, ad esprimersi in modo inequivocabile: “L’associazione sportiva dilettantistica Samnium Shooting Club è figlia naturale di un solido gruppo di amici accomunati dalla passione per la Caccia. Solo il legame che si crea nella sveglia presto, nella colazione insieme, nelle passeggiate insieme nel bosco, nelle legittime prese in giro quando qualche amico padella la preda permette la creazione di un gruppo solido di amici che vale molto di più delle singole unità che lo compongono.”

piazzola di tiro
Vista dei bersagli dalla piazzola di tiro n°4
piazzole di tiro
La piazzola di tiro n°4

È dunque intorno a sentimenti ed ambizioni profondamente onesti che si può concepire la costituzione di un gruppo sportivo per intraprendere, con i propri compagni, un percorso di consolidamento delle esperienze basato su allenamento e partecipazione a manifestazioni sportive, utili anche per conoscere alcuni importanti aspetti organizzativi caratteristici di questo genere di eventi.

Tra tutti, i nostri interlocutori ricordano, per esempio, il “Long Range Shooting Day” che veniva organizzato nel poligono militare si Santa Severa, Roma, dove i tiratori potevano cimentarsi in ingaggi fino a 900m.

I ragazzi del Samnium Shooting Club hanno tuttavia deciso di cimentarsi in un’ulteriore prova traducendo il bagaglio culturale accumulato nel progetto, scientificamente organizzato, di un campo di tiro.

La segnalazione sommaria di luoghi adatti all’allestimento di un poligono è riconducibile, come riportano i nostri interlocutori, al gruppo dei cacciatori ma il primo, vero passo verso l’individuazione dell’area esatta è costituito da una prima perizia balistica di parte che ha verificato il rispetto di tutte le norme di sicurezza, dalla lontananza dalle strade e dalle abitazioni agli angoli di tiro ed ai parapalle, proseguendo con ulteriori analisi balistiche e fonometriche.

Composto un primo rapporto di studio è stata contattata l’amministrazione locale.

Questa, intravedendo nell’iniziativa di questo gruppo eccellenti prospettive di promozione del turismo ben conciliabili con un più ampio piano di sviluppo economico del territorio, è stata non solo collaborativa ma perfettamente efficiente nell’organizzare un secondo sopralluogo peritale che, di fatto, ha sancito la nascita del poligono di “Parata in Cerreto Sannita”.

Un poligono che, ci teniamo ad evidenziare, rispetta l’ambiente e la bellezza del luogo in cui è posizionato poiché non esistono strutture fisse ma semplici costruzioni in legno che, di volta in volta, vengono montate e smontate.

Dopo i tiri quello che è un poligono torna ad essere un pascolo, fiorente regno di pace. I tiratori, dunque, sono i primi difensori di questo luogo che, grazie alla loro opera, rimane incontaminato.

Dal punto di vista fisico il campo di tiro è posizionato a ridosso del Massiccio del Matese, nel mezzo dell’avvallamento di Parata che confina, ad Ovest, con i margini agresti della frazione S.Anna di Cerreto e, ad Est, con il territorio di Morcone, paese che si trova al di là di un costone montuoso le cui cime rocciose sovrastano l’avvallamento, a circa un chilometro mezzo.

piazzole di tiro 
Le piazzole e i bersagli si trovavano alla stessa altitudine
piazzole di tiro
Il campo di Cerreto Sannita sicuramente dibenterà un punto di riferimento per il tiro a lunga distanza nel Mezzogiorno

Le postazioni di tiro sono state posizionate a circa duecento metri da un laghetto naturale che rimane ad ovest rispetto ad esse ed i bersagli a cinquecento dalle piazzole, verso Nord - Est, al confine con il ripido costone che funge da parapalle.

La quota planimetrica delle piazzole e quella dei bersagli è identica, in modo tale che il valore relativo all’angolo di sito, pari a zero gradi, semplifichi le operazioni di puntamento delle armi.

Quanto osservato il 22 Maggio in occasione del primo Trofeo Fiocchi-Sabatti ci permette anche di affermare, in piena serenità, che la Campania abbia trovato il proprio, naturale, punto di riferimento per il tiro a lunga distanza.

A Cerreto Sannita non si svolgono infatti semplici eventi sportivi ma si gettano le basi – usiamo il presente poiché l’opera è in itinere – di una vera e propria struttura didattica dedicata al tiro al bersaglio.

Cosimo Velella
Cosimo Velella, tiratore ufficiale Sabatti, al tiro

Un luogo speciale? Certo, ma può farci riflettere sulle potenzialità del territorio italiano nella sua interezza, dove più che le risorse naturali e materiali mancano quelle volitive.

Beneficiari del progetto, naturalmente, tutti coloro che desiderano mettere alla prova le proprie abilità di tiratori o semplicemente provare l’affascinante esperienza del tiro da campagna ma anche, ci teniamo a precisarlo, tutti coloro che desiderano soggiornare in un luogo ricco di fascino, gradevole, ospitale.

Favoriti inoltre i concittadini degli organizzatori in virtù del ritorno, in termini di afflusso turistico, legato all’iniziativa.

Un’esagerazione? Riteniamo di no: il calendario eventi del Samnium Shooting Club, soprattutto durante la bella stagione, è fitto di appuntamenti e queste iniziative, sommate a quanto offre l’intero territorio, costituiscono un valido motivo d’attrazione verso questi luoghi adatti all’appassionato del tiro al bersaglio ma anche al suo accompagnatore cui sono dedicati numerosi percorsi culturali, eno-gastronomici ed escursionistici.

La Gara

tiratore
Uno dei concorrenti in fase di punteria con una Sabatti Tactical Synt .308W
tiratori
Impeccabile l’organizzazione delle sessioni di tiro che ha permesso lo svolgimento, in perfetto ordine, di circa centocinquanta sessioni a fuoco

Le regole adottate per il trofeo Fiocchi-Sabatti sono molto simili a quelle che disciplinano la gara “Città di Cerreto Sannita”, eccezion fatta per le armi e le munizioni ammesse, limitate ovviamente alle carabine Sabatti cal.308 Winchester ed al munizionamento Fiocchi.

Tre le categorie di gara, ispirate al regolamento internazionale FClass: standard; FTR; Open.

Per chi non disponeva di uno strumento di tiro personale l’azienda gardonese ha messo a disposizione due armi modello “Tactical Synt” .308W, caratterizzate dal calcio polimerico anatomico e dalla canna pesante con profilo esterno cilindrico da 28mm di diametro e con sistema di stabilizzazione “Multiradial”.

Ottiche prescelte per le carabine in comodato delle Konus Mod. M30 10-40 x 52 con reticolo Mil-Dot ed attacchi omonimi.

Come bersagli i classici cartacei “long range” con zona 10 estesa su area circolare pari ad 1 MOA e tinteggiatura blu su sfondo bianco.

In piazzola di tiro l’unica posizione possibile era quella prona a terra, su terreno non livellato, con appoggio anteriore e posteriore per l’arma.

Ogni tiratore disponeva in totale di tredici colpi cal.308W Fiocchi serie Exacta, tre dei quali considerati di prova con scarto finale dei tiri dal punteggio più basso.

Al trofeo hanno partecipato complessivamente sessantotto tiratori ed il numero totale delle sessioni a fuoco ha raggiunto le centocinquanta unità.

Riccardo Cassin tiro
Riccardo Cassin, Product Manager della Fiocchi Munizioni al tiro
Alberto Panza ed Ugo Pelosi
Alberto Panza ed Ugo Pelosi, che ci aiuteranno nella realizzazione di una serie di prove dedicate alle carabine Sabatti cal.308W con canna multiradiale

Il punteggio massimo è stato raggiunto da Alberto Panza: 100/100 con due mouches. Seguono Antonio Penati con 98/100 con tre mouches e Domenico Massimino con 96/100 con tre mouches.

Interessante la prova d’arma realizzata da Riccardo Cassin, Product Manager di Fiocchi Munizioni SpA, che ha ottenuto un punteggio di 96/100 con tre mouches.

Ottimo il funzionamento delle armi in prova, che hanno tirato ognuna circa mille colpi senza che si verificasse inconveniente alcuno.

Conclusioni

organizzatori
I rappresentanti delle aziende che hanno sponsorizzato il trofeo: Riccardo Cassin, Product Manager di Fiocchi Munizioni con i tiratori ufficiali Sabatti

Fino a qui la descrizione di un evento che appartiene, per quanto lo si consideri ben riuscito, alla sfera dell’ordinario.

Quali, dunque, gli elementi che hanno stimolato il nostro interesse, che ci hanno spinti a recarci a quasi ottocento chilometri di distanza e giustificano il nostro entusiasmo?

Gli elementi sono essenzialmente due e rappresentano il vero cardine del trofeo.

Si tratta, in primo luogo, del debutto ufficiale di un connubio armiero che ha dimostrato sul campo eccellenti potenzialità, non ultimo un rapporto qualità/prezzo che lo pone in diretta concorrenza con i grandi marchi americani.

Shooting Team TLD Lecco
Oltre le aspettative l’affluenza di partecipanti, venuti anche da lontano. Nell’immagine i ragazzi dello “Shooting Team TLD Lecco”
Samnium Shooting Club
Foto di gruppo dei partecipanti venuti da lontano con i ragazzi del Samnium Shooting Club e l’assessore Pierpaolo Parente del comune di Cerreto Sannita, prezioso sostenitore del progetto che ha portato alla realizzazione del trofeo

In secondo luogo riteniamo di aver trovato le personalità giuste per organizzare una prova tecnica completa di questo sistema d’arma, persone dotate di un bagaglio d’esperienza invidiabile sia per quanto concerne l’organizzazione e l’attuazione di sessioni a fuoco condotte con criteri scientifici sia per quanto concerne la conoscenza delle armi e delle munizioni. Persone dotate, in ultimo, di onestà intellettuale.

I nomi di coloro che diverranno, in questo progetto, nostri collaboratori diretti, già li abbiamo anticipati: Giorgio Pagani di Fiocchi Munizioni SpA, Alberto Panza del Samnium Shooting Club, Ugo Pelosi, che conduce l’Armeria Diana Sport di Cerreto Sannita, vero punto di riferimento per gli appassionati per quanto riguarda la conoscenza delle armi Sabatti.

A costoro, dunque, le ultime battute di questa recensione, dedicate ovviamente al binomio carabine Sabatti-munizioni Fiocchi, sul quale riponiamo grande fiducia.

Alberto Panza: “Nel tiro a lunga distanza contano molto le abilità del tiratore, compresa una corretta lettura del vento ma anche l’uso di munizioni dall’ottima resa balistica unite ad una carabina con canna ben disegnata e costruita. La mia arma personale è una Sabatti Tactical Synt, che si è ottimamente comportata con le Fiocchi Exacta e penso possa dare risultati ancor migliori con le Perfecta, prodotti che non fanno rimpiangere affatto la ricarica domestica.”


Ugo Pelosi: “Il binomio carabine Sabatti-munizioni Fiocchi  ha davvero ottime potenzialità e, a livello commerciale, ho avuto positivi riscontri da tutti i clienti cui ho proposto questi prodotti. Per essere ancor più competitivi sulla lunga distanza sarebbe bello poter disporre di canna multiradiale da 32 o 34” con profilo esterno conico da 28mm in culatta a 25mm in volata. In questa configurazione avrebbero ben poca concorrenza.”

calcolo punteggio
Fase di calcolo dei punteggi
bersaglio
Il bersaglio vincente
foto gruppo organizzatori
Foto di gruppo degli organizzatori del trofeo al momento della premiazione
Alberto Panza
Alberto Panza, vincitore, riceve in premio una carabina Sabatti mod. Rover Syn. con 400 colpi Fiocchi serie Perfecta
Giorgio Pagani e i ragazzi del Samnium Shoting Club
Giorgio Pagani e i ragazzi del Samnium Shoting Club al ristorante. Tra i maggiori punti di forza della località di Cerreto Sannita i percorsi eno-gastronomici

Giorgio Pagani: “Mi sono impegnato nella promozione del progetto del trofeo ritenendo di disporre delle armi, delle munizioni, delle persone, dei luoghi idonei a dimostrare che l’Italia può essere un’eccellenza anche nel tiro a lunga distanza.

Grandissima inoltre la soddisfazione, visti i risultati della manifestazione, di essere riuscito a far qualcosa per i miei amici tiratori, per un luogo che amo molto e per il Sud in generale, che ha incredibili potenzialità. Per quanto riguarda invece l’accoppiata carabine Sabatti e Munizioni Fiocchi dico solo una cosa: gli appassionati italiani hanno a disposizione due prodotti di assoluta eccellenza, di cui esser fieri.”


Per informazioni e contatti: Ugo Pelosi

info@armeriadianasport.com 

tel: 3282619832

Valuta questo articolo
4.3 (6 valutazioni)
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.