4.3

Cacciatori e cani… Finché morte non ci separi!

Cane con cacciatore
I cani da caccia trovano nella libertà della ricerca in campagna la risposta al proprio istinto e alla passione condivisa con il proprio padrone.

Capita sempre più spesso nell’era dei social di sentir parlare e avanzare giudizi sui più vari argomenti, anche da coloro che non hanno evidente conoscenza o esperienza diretta di ciò che non esitano però a condannare guidati soltanto dal pregiudizio verso  le diversità culturali o di pensiero. Le tendenze cambiano in fretta e i giudizi si uniformano vertendo sempre sul pensiero unico di massa sostenuto dal “sentito dire”. Risulta a questo proposito fin troppo facile attaccare uomini che condividono la passione per la natura e la libertà con i propri cani ma anche armati di doppietta. Cadere nella banale condanna dello sparo è sempre il primo traguardo dei detrattori del mondo venatorio quando invece questo rappresenta per il cacciatore, soprattutto cinofilo, l’ultimo dei pensieri. Se così non fosse, cioè se la soddisfazione e il pieno appagamento si trovasse nell’uccisione del selvatico non avrebbero senso i tanti sacrifici sostenuti da coloro che decidono di accudire i propri cuccioli fino a portarli alla piena preparazione che nel caso dei cani da caccia non corrisponde alla semplice passeggiata al parco ma un vero e proprio impegno quotidiano al fine di vedere i propri compagni godere di ottima salute psicofisica. Un cane da caccia infatti, può sembrare scontato ma è il caso di ribadirlo chiaramente, è felice a caccia! Altre destinazioni sono per questi cani degli adattamenti e delle forzature senza dubbio più comode da gestire per chi li possiede, ma non una risposta alla vera natura di questi soggetti vocati al movimento, alla libertà e alla ricerca nei grandi spazi dove trovano pienamente appagati la dinamicità e la curiosità verso il mondo che li circonda.

I cacciatori di tutto ciò sono invece pienamente consapevoli e animati dalla stessa passione dei propri cani, condividono appunto con loro momenti emozionanti e spensierati della propria vita. Avere un cane o molto spesso più di uno, significa essere disposti ad investire tempo, impegno e denaro per condividere soddisfazioni a caccia e mantenere al meglio questi compagni di avventure. Alla luce di quanto detto fin qui ci chiediamo, quale cacciatore dopo aver allevato, visto crescere e portato a formazione un cane di cui ha visto giorno per giorno emergere le doti al pari di un genitore, abbandonerebbe nel periodo estivo o di caccia conclusa il proprio cane? 

Di cosa si parla se non di attacco ideologico e gratuito quando si sostengono simili assurde tesi? I cacciatori veri, degni di essere indicati con tale nome, non sono ancora schiavi del pensiero consumistico usa e getta, sanno rispettare i tempi e i modi che la natura impone e hanno ben presenti principi  quali il rispetto e il sacrificio in nome di obbiettivi e ideali. Il tempo libero corrisponde quasi sempre al tempo da dedicare a questa passione e ai propri cani, organizzando quello che è uno stile di vita e non uno sport alla ricerca di emozioni e libertà. Chi ha conosciuto l’amore davvero gratuito di una cane e ha condiviso la gioia di alcuni momenti pieni di senso senza neanche la necessità di una parola, non avrà mai un motivo valido per abbandonare tutto questo.  

Valuta questo articolo
4.3 (6 valutazioni)
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.