Benelli Beccaccia Supreme calibro 20: la prova sul campo

Carcassa in Ergal 55 anodizzata nera del fucile Benelli Beccaccia Supreme
La carcassa in lega leggera Ergal 55 del Beccaccia Supreme 20 è anodizzata nera e decorata con l’incisione dedicata alla beccaccia.

La caccia vagante con i cani richiede sempre un grande impegno ai cacciatori che spesso devono mantenere ritmo nel passo e concentrazione per intere giornate prima di vedere concretizzarsi il momento dell’incontro con il selvatico. La leggerezza del fucile soprattutto se si caccia in montagna o in collina è un aspetto determinante sia per il trasporto dell’arma ma soprattutto per il brandeggio rapido nel tiro. L’abbattimento non è sicuramente l’unico movente della caccia, ma dopo aver lavorato a lungo per addestrare i cani, il momento del tiro equivale per questi alla ricompensa necessaria e decisiva in alcune fasi di apprendimento durante la caccia. Avere un’arma affidabile con cui sentirsi sempre pronti a fare centro non è qualcosa di trascurabile. Conosce bene queste esigenze Benelli, che ha progettato nel tempo la più ampia gamma di semiautomatici dedicati alle diverse tipologie di caccia, per poter garantire ai cacciatori armi con caratteristiche specifiche per gli ambienti e i selvatici di riferimento. Il Benelli Beccaccia Supreme fa parte dei semiautomatici specialisti e nella recente versione in calibro 20 vede ottimizzati gli aspetti appena citati del peso, del bilanciamento e della rapidità di brandeggio indispensabili nel bosco. Abbiamo avuto occasione di testarlo sia in pedana al Tav di Fano che nei terreni della tenuta di Rivergaro della Montefeltro Tour Operator ospiti del Benelli Hunting test Adventure.

Video: Benelli Beccaccia Supreme, semiautomatico in calibro 20: test sul campo


Benelli Beccaccia Supreme calibro 20

Disponibile anche nella versione calibro 12 il semiautomatico Benelli Beccaccia Supreme calibro 20 non supera i 2,5 kg di peso ben distribuiti lungo l’arma che si dimostra snella e compatta sia alla vista che nel brandeggio. Si conferma la carcassa in lega leggera Ergal 55 anodizzata nera e decorata con l’incisione dedicata alla beccaccia, selvatico riprodotto in volo e riportato anche nel particolare inserto rosso sulla coccia del fucile che rende riconoscibili i semiautomatici specialisti di Benelli. Invariata la meccanica Benelli basata sulla tipica chiusura geometrica a svincolo inerziale. Il legno in noce con trattamento Wood-Fx risulta più resistente agli agenti esterni e alle variazioni di umidità, viene finito per verniciatura opaca e zigrinato per intaglio a passo fine di mm 1,5. Nuovo il disegno dell’astina, abbreviata per contrastare ancora più efficacemente il rilevamento e riportare più rapidamente in mira il fucile nel momento dello sparo.

Benelli Beccaccia Supreme calibro 20 vista lato destro
I legni in noce europeo scelto hanno il particolare trattamento Wood-FX che li rende più resistenti nel tempo nei confronti degli agenti esterni. L'astina abbreviata facilita il brandeggio del fucile preciso e stabile nel doppiaggio dei colpi.

Per un migliore adattamento e personalizzazione dell’arma, il calcio del Beccaccia Supreme è dotato del sistema di variazione piega e vantaggio presente su tutti i semiautomatici da caccia Benelli. Il calcio termina con il calciolo in poliuretano che ha una struttura interna di micro bolle d’aria, più leggero dei tradizionali calcioli antirinculo, capace di garantire una superiore capacità di assorbimento e ridotta deformazione durante lo sparo. Il fucile viene fornito con due calcioli, Small e Medium, quello montato è lo Small e porta la lunghezza del calcio a mm 350, mentre col Medium si sale a 360. Il Beccaccia Supreme 20 viene proposto con canna da cm 61 dotata di bindella intercambiabile in fibra di carbonio e mirino in fibra ottica rosso ben visibile nella vegetazione. Nella versione in calibro 12 le lunghezze di canna disponibili sono da 61 e 65 cm. 

Benelli Beccaccia Supreme calibro 20 test di tiro
La camera da 76 mm rende il semiautomatico Beccaccia Supreme versatile nell'utilizzo delle cariche calibro 20 dai 24 ai 36 grammi.

Il Beccaccia Supreme 20 con camera magnum da 76 mm è un fucile con caratteristiche dedicate alla beccaccia, ma che ovviamente si presta in generale alla caccia vagante con il cane da ferma utilizzando cartucce con dosi dai 24 ai 36 grammi. Durante la nostra prova abbiamo alternato cartucce da trap e cartucce da caccia ottenendo gli stessi risultati e senza accusare particolare rinculo alla spalla anche nella serie di piattelli doppi al percorso di caccia. Le rotture dei bersagli in volo si sono dimostrate nette fino alle distanze di 35 metri e anche gli abbattimenti sicuri e puliti delle starne sulle colline piacentine di Rivergaro hanno confermato la qualità delle rosate garantite dalle canne. Le canne del Beccaccia Supreme 20 sono corredate da 3 strozzatori intercambiabili Criochoke da cm 7 da ***, ****e ***** più l’Ampliator; uno strozzatore raggiato ad effetto dispersante che permette di utilizzare per i tiri istintivi a breve distanza anche le cartucce dotate di contenitore. Questo strozzatore è interno ma ha una parte esterna lunga 2 cm che ne porta la lunghezza complessiva a 9 cm per ottenere un tratto rigato più lungo che consente di realizzare rosate più ampie e omogenee dai 10 ai 20 metri. Una conferma per gli estimatori del calibro 20 che già ne apprezzano le prestazioni, il Beccaccia Supreme può essere un’accattivante alternativa anche per coloro che amano camminare senza ingombro e vorrebbero provare la nuova esperienza con un’arma davvero piacevole da brandeggiare di cui ricordarsi soltanto nel momento necessario e conclusivo dell’azione.


Per ulteriori informazioni sul semiautomatico Beccaccia Supreme, visita il sito Benelli.

Questo articolo è disponibile anche in queste lingue: