3.3

Riserva: gilet per la caccia nel bosco

Lo avevamo già visto presentato nelle principali fiere di questo 2017 fra gli accessori di ultima generazione che Riserva dedicava ai cacciatori che praticano la caccia vagante, soprattutto nel bosco. 

Abbiamo nel corso di questa stagione venatoria poi provato sul campo in molte giornate di caccia diverse il nuovo gilet e possiamo ora confermarne le caratteristiche tecniche congeniali per chi si muove in ambienti spesso intricati, in cui resistenza e comfort sono necessari. 

I materiali utilizzati per garantire leggerezza e praticità sono una rete e un cotone con riporti in misto Kevlar, capaci di resistere allo sfregamento continuo con le essenze vegetali del bosco, per proteggere il cacciatore durante la marcia, lasciandolo però libero di muoversi con agilità.

Dettagli del gilet da caccia Riserva

Chi pratica la caccia con i cani da ferma è spesso dotato di collari gps o beeper per gestire e tenere sotto controllo i propri ausiliari in cerca; fondamentali risultano quindi le tasche e i moduli applicabili alle bretelle in cui riporre eventuali telecomandi o palmari sempre a portata di mano e facilmente leggibili. 

Le cinghie anteriori e le chiusure rapide simili a quelle utilizzate negli zaini sono completamente regolabili sia all'altezza delle spalle che alla base.  

Il nuovo gilet Riserva può così adattarsi sia sopra a capi di abbigliamento invernali e più pesanti, che semplicemente stringendone le dimensioni anche su una semplice camicia, risultando così un accessorio utilizzabile durante tutta la durata della stagione venatoria. 

Sulla base regolabile sono presenti dei passanti laterali che consentono l'applicazione di eventuali accessori come porta munizioni. 

Carniere del gilet Riserva
Il secondo carniere estraibile otre ad offrire maggiore capienza costituisce l'inserto ad alta visibilità del gilet Riserva.
Cacciatore nel bosco con gilet Riserva
Realizzato in rete e cotone misto Kevlar il gilet Riserva è un accessorio leggero e pratico da poter utilizzare nella caccia vagante durante tutta la stagione venatoria.
Gilet Riserva, fucile e selvaggina
Le tasche e i moduli applicabili alle bretelle anteriori regolabili consentono il trasporto di gps e palmari.

Una tasca posteriore con apertura zip rappresenta una prima cacciatora per la riposizione della selvaggina o di eventuali accessori e nasconde al suo interno un'ulteriore tasca impermeabile destinata al trasporto dei documenti. 

Alla base del gilet una tasca a scomparsa, chiusa in una zip semicircolare contiene un carniere aggiuntivo destinato a selvaggina di mole più importante, anche questa in tessuto impermeabile e facilmente lavabile. 

È questo secondo carniere insieme ad alcune finiture frontali del gilet a costituirne l'inserto ad alta visibilità, sempre utilissima per chi caccia nel bosco. Sono due le colorazioni disponibili, in verde fluorescente oppure arancione

Ancora una volta l'azienda Riserva ha interpretato e soddisfatto le aspettative di quei cacciatori spesso impegnati in terreni difficoltosi dove l'agevolazione data da un accessorio leggero pratico e resistente può spesso fare la differenza nelle lunghe ore di cammino e nei tiri istintivi che la caccia vagante rihiede.


Per ulteriori informazioni sul gilet da caccia visita il sito Riserva

Valuta questo articolo
3.3 (6 valutazioni)
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.