3.4

La Nuova Zelanda cambierà la Legge sulle Armi

Dopo una lunga riunione, il primo ministro Jacinda Arden ha dichiarato che il suo gruppo è totalmente unito sulla questione riguardante una possibile riforma della Legge sulle Armi in Nuova Zelanda. Ovviamente i dettagli tecnici e giuridici che, in modo più o meno rivoluzionario, andranno a modificare l’attuale assetto normativo sulla materia non sono ancora chiari. Il primo ministro ha però tenuto a chiarire come la questione sia di importanza assolutamente primaria e che una proposta del genere andrebbe anche oltre le varie sensibilità e opinioni politiche.

L’attentato alle moschee di Christchurch e la legge sul porto d’armi in Nuova Zelanda 

Nell’attentato alle moschee di Christchurch il 28enne Brenton Tarrant ha usato cinque armi da fuoco inclusi due fucili semiautomatici. Per quanto riguarda la normativa sul porto e possesso di armi in Nuova Zelanda, c’è da dire che chiunque, a partire dai 16 anni, è in grado di poter registrare una licenza al costo di 126 dollari dopo aver passato i controlli  delle forze dell’ordine in merito ad eventuali precedenti e dopo aver superato un breve corso di abilitazione all’uso ed al maneggio delle stesse. La licenza di cui sopra è classificata “tipo A” ed è stata ottenuta dall’attentatore nel 2017. 

L’attuale clima in sociopolitico in Nuova Zelanda

A detta del Governo, l’opinione pubblica in merito alle armi è profondamente mutata anche a seguito di avvenimenti del genere. Alcuni tra i siti di maggior rilievo nel settore della compravendita di armi online hanno addirittura bloccato la vendita di armi semiautomatiche e di accessori riferibili alle stesse. È il caso di TradeMe che ha, per adesso, fatto questa scelta in attesa di un clima più favorevole anche eventualmente a seguito di una nuova legge sulle armi.

In precedenza la Nuova Zelanda aveva già – tra il 2005 e il 2017 – tentato di porre in essere una modifica alla normativa in materia di armi ma le proposte si sono sempre risolte in un nulla di fatto. Attualmente le regole sulle armi, sul porto e trasporto e sulla compravendita delle stesse in Nuova Zelanda sono abbastanza elastiche: da un punto di vista numerico si contano (armi legalmente possedute) 1,2 milioni di armi da fuoco su una popolazione totale di poco meno di 5 milioni di persone.

Attendiamo quindi novità per fare, poi, valutazioni non solo giuridiche ma anche sociali e, perché no e se del caso, anche politiche. 


Corrado Maria Petrucci

Consulente Legale

Email: legalall4shooters@gmail.com

Valuta questo articolo
3.4 (5 valutazioni)
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.