5

Il Comitato Direttiva 477 incontra il sottosegretario Rossi

Riceviamo e pubblichiamo dal Comitato Direttiva 477


Nella mattina di sabato 14 maggio una delegazione del Comitato Direttiva 477 ha incontrato nei suoi uffici in Roma l'On.le Domenico Rossi, Sottosegretario di Stato presso il Ministero della Difesa.

L'On. Rossi, già Generale di Corpo d'Armata e Sottocapo di Stato Maggiore dell'Esercito, ha ascoltato con attenzione le ragioni sottese alla nascita del Comitato Direttiva 477 e la sua linea programmatica di intervento declinata da aprile 2015 nel settore.

 

Di seguito una parte dell'intervista con le opinioni personali dell'On. Rossi sulle questioni che tanto preoccupano tutti gli appassionati oplofili.

Il Comitato Direttiva 477 incontra il Viceministro della Difesa, On.le Domenico Rossi
Da sinistra verso destra: il Sig. Alessandro Casertano, referente politico; l'On.le Domenico Rossi, Sottosegretario alla Difesa; Marco Ricciardi e l'avvocato Fabio Sacco del Comitato Direttiva 477


CD477 - Quale è la sua opinione nei confronti delle armi detenute dai civili?

DR - « Le armi sportive e da caccia sono strumenti di lavoro e di svago detenuti liberamente da parte di soggetti titolari di apposita licenza, la quale viene concessa solo al termine di accurati controlli sulla rettitudine morale, psichica e fisica dei soggetti richiedenti. Pertanto, pur trattandosi indiscutibilmente di oggetti potenzialmente offensivi, ritengo che cittadini rispettosi di tutte le già restrittive e stringenti leggi in materia siano meritevoli della piena fiducia delle Istituzioni.»

 

CD477 - Pensa che debbano essere inasprite le norme riguardanti le misure di sicurezza dei detentori di armi?

DR - « I detentori di armi sono certamente già controllati e monitorati in modo eccellente da parte delle Autorità preposte, non ravviso la necessità di ulteriori inasprimenti.»

 

CD477 - Pensa sia necessario restringere ulteriormente la tipologia di armi detenibili rispetto alla normativa introdotta con DL del 2015?

DR - « Non ritengo necessaria, al momento, alcuna ulteriore restrizione riguardo alla tipologia di armi, in particolare di categoria B7, quelle, per intenderci, somiglianti a quelle militari, dato che non si sono verificati episodi che facciano pensare di dover ulteriormente intervenire, né vi è alcuna statistica che porti all’aumento di situazioni particolarmente pericolose a carico dei legali detentori di armi. Anzi, sarebbe auspicabile un miglioramento delle norme in materia, più favorevole ai tiratori sportivi, compresi i regolamenti riguardanti i poligoni privati in modo da incentivare discipline sportive di consolidata tradizione e fascino e tutelare così anche un comparto economico di eccellenza.»

Il Comitato Direttiva 477 incontra il Viceministro della Difesa, On.le Domenico Rossi
Il sottosegretario Rossi non ravvisa motivi che possano giustificare un giro di vite, a livello nazionale o europeo, sulle armi detenute dai privati cittadini – con particolare riguardo alle tanto vituperate "Categoria B7"

CD477 - Pensa che le armi detenute dai civili possano essere utilizzate in qualche modo dai terroristi, o siano per qualche motivo legate agli attentati in Francia e in Belgio?

DR - « Non credo vi sia alcuna attinenza fra i legali detentori (sportivi e collezionisti) di armi e gli attentati terroristici. È ormai accertato che i terroristi hanno sempre utilizzato armi automatiche illegali provenienti dai Paesi Balcanici e dal Nord Africa, non vi è stato mai nemmeno un caso in cui i terroristi abbiano utilizzato armi nate per i mercati civili modificate. Ritengo altresì, improponibile e offensivo accostare la figura del cittadino onesto detentore ed utilizzatore di armi da fuoco controllato e certificato dalle Istituzioni con quella del criminale/terrorista.»

Il Comitato Direttiva 477 incontra il Viceministro della Difesa, On.le Domenico Rossi
Data la nota provenienza e tipologia delle armi usate da criminali e terroristi, il viceministro Rossi ritiene che le restrizioni proposte recentemente dalla Commissione Europee sarebbero punitive nei confronti dei cittadini onesti e inutili sul piano della pubblica sicurezza

CD477 - Lei saprà senz’altro che in Europa, in particolare da parte della Commissione Europea, vi è una forte tendenza a disarmare i cittadini europei mediante leggi che prevedono addirittura l'esproprio e la distruzione delle armi già in loro possesso o la loro disattivazione permanente, insomma una vera e propria mannaia sui legali detentori e collezionisti. Lei, Onorevole, cosa ne pensa?

DR - « Posso capire che sull'onda emotiva dei tragici attentati terroristici, verificatisi in Francia e Belgio, i governi europei cerchino di trovare una soluzione con proposte che personalmente non mi trovano d'accordo. Tali proposte sortirebbero solo il risultato di privare gli onesti cittadini di un loro diritto legalmente sancito, senza nulla ottenere riguardo alla lotta al terrorismo.»


Il Comitato Direttiva 477 ringrazia l'On. Domenico Rossi per la cortesia e la disponibilità dimostrate, confidando nella possibilità di consolidare nel breve un rapporto sereno e continuativo di collaborazione.
L’auspicio di tutti i tiratori agonisti e amatoriali, collezionisti e cacciatori è che questo incontro rappresenti un ulteriore passo di un percorso di collaborazione funzionale ad una corretta percezione ed una giusta sensibilità da parte di tutte le forze di Governo nei confronti della nostra categoria, che, complessivamente annovera circa due milioni di elettori e che genera con il relativo indotto economico oltre mezzo punto di PIL nazionale.

Il Comitato Direttiva 477 incontra il Viceministro della Difesa, On.le Domenico Rossi
Il Comitato Direttiva 477 è attivo per difendere i nostri diritti e fa parte della rete europea di FIREARMS UNITED! E voi, lo sostenete?

Per maggiori informazioni, visita il sito del Comitato Direttiva 477

Valuta questo articolo
5 (6 valutazioni)
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.