3.3

CRKT Seismic: il ritorno del persiano

CRKT Seismic in apertura
Il CRKT Seismic può essere aperto agendo sul flipper oppure sul piolo di apertura che è presente su entrambe le facce della lama.

Flavio Ikoma è un coltellinaio brasiliano di origine giapponese, grande innovatore sia per quanto riguarda il design sia per gli aspetti tecnici dei coltelli chiudibili. Qualche anno fa, insieme al collega Rick Lala brevettò il sistema di rotazione del perno su cuscinetti a sfera IKBS (Ikoma Korth Bearing System) inizialmente destinato a coltelli tipo balisong, ma poi applicato anche su chiudibili di impianto più tradizionale. L'americana CRKT ha prodotto diversi coltelli disegnati da Flavio Ikoma e dotati di sistema di rotazione IKBS, come ad esempio il Fossil, e ora con questo Seismic mette in pratica ben due soluzioni tecniche esclusive. Oltre al già citato pivot IKBS il Seismic infatti monta il sistema di chiusura “Deadbolt” che è sempre farina del sacco di Flavio. Si tratta di un sistema a pulsante situato in corrispondenza del perno di basculaggio della lama: sul tallone della lama sono praticati due fori a ore 6 e 12: quando la lama raggiunge la posizione di apertura, una forcella a forma di U caricata a molla è spinta all'interno e i suoi due bracci vanno a inserirsi nei fori, bloccando il sistema. È sufficiente una pressione sul pulsante circolare sul lato destro dell'impugnatura per sbloccare la lama. Il vantaggio offerto da questo sistema è che a differenza dei “liner lock” o “frame lock”, il pollice non corre alcun rischio di incontrare la lama, che in fase di chiusura incontrollata potrebbe ferire l'utilizzatore.

CRKT Seismic: visto da vicino

Lama del coltello CRKT Seismic
La lama del CRKT Seismic ha un profilo “persian” e misura 10 centimetri di lunghezza per uno spessore massimo di 3,8 mm.

Partiamo dalla lama, realizzata in acciaio inox 1.4116 e lunga 10 centimetri, con uno spessore al tallone di 3,8 millimetri ed è disponibile con finitura satinata e filo liscio. La lama ha un inconsueto profilo “Persian” con dorso concavo e punta leggermente rialzata. Si tratta di un profilo di lama ormai poco frequente, comune ai coltelli tradizionali delle culture che vivono in climi desertici. Un profilo del genere è infatti molto adatto al taglio di materiali secchi e coriacei. La finitura della lama è una satinatura molto omogenea, con marchi Laser puliti e poco invadenti. Esiste anche una variante con lama brunita opaca e seghettatura VEFF, ma a noi piace di più quella in bianco. La lama è dotata sia di flipper sia di pioli di apertura ambidestri e questo, unito al fatto che l'impugnatura è simmetrica e che la piccola clip può essere facilmente rimossa e spostata, rende il Seismic un coltello quasi perfettamente ambidestro, per la gioia dei mancini. Realizzata in G10 di colore nero su telaio in acciaio, l'impugnatura del Seismic è adatta a mani di dimensioni medio-grandi; grazie ad alcune fresature e al dorsale in alluminio godronato si impugna molto saldamente e garantisce un eccellente comfort. Il dorsalino è dotato di ben due fori per un eventuale lacciolo di sicurezza. Il Seismic non è leggerissimo: ferma l'ago della bilancia sul valore di 178 grammi.

La chiusura Deadbolt del Seismic

Pulsante per sblocco del coltello CRKT Seismic
Il pulsante sul lato sinistro dell'impugnatura controlla lo sblocco del sistema Deadbolt. Per chiudere il coltello basta premerlo.

Così come esce dalla scatola il Seismic è molto duro da aprire. In particolare se invece del flipper usiamo il piolo sulla lama. Servendoci dello strumento Knife Maintenance Tool, sempre prodotto da CRKT, abbiamo allentato leggermente il vitone che funge anche da pulsante di sblocco e la situazione è notevolmente migliorata. 

Il sistema funziona molto bene e il blocco della lama è ben avvertibile anche all'udito, con un netto “click”. Lo sblocco non è altrettanto netto: premendo il pulsante abbiamo notato un piccolo grattamento e pare che il problema non riguardi solo il nostro esemplare. Comunque il sistema sembra davvero molto solido e ben congegnato.

In conclusione

Impugnatura del coltello CRKT Seismic
L'impugnatura è in G10 con piani zigrinati e fresature che ne facilitano la presa. Si noti su questo che è il lato destro la forcella del sistema Deadbolt.

Forse un po' troppo grande e pesante per essere definito un vero e proprio EDC (coltello per porto quotidiano) il Seismic è sicuramente uno strumento originale, dotato di un interessante sistema di chiusura che risolve effettivamente uno dei problemi posti dai “liner lock” ovvero la possibilità che la lama possa chiudersi sulle dita dell'utilizzatore. È altrettanto vero però che prestando il minimo sindacale di attenzione il problema può essere tranquillamente evitato. Sta di fatto che la chiusura Deadbolt a noi piace e nelle prove di utilizzo del coltello non ha mostrato alcuna debolezza. Se vi piace l'idea di un chiudibile con lama in stile “Persian” ben fatto e con una chiusura inedita, sicuramente il Seismic fa per voi. 

Il prezzo di listino è di 150 dollari USA (circa 135 Euro), anch'esso non leggerissimo in assoluto. Come sempre con un po' di fiuto e pazienza è possibile comprarlo in rete risparmiando qualche soldo.

Scheda tecnica 

ProduttoreCRKT - USA
ModelloSeismic
Tipologiachiudibile
Impiegoporto quotidiano
Profilo lamaPersian
Lunghezza lama100 mm
Materiale lamaAcciaio 1.4116
Lunghezza totale237 mm
Materiale impugnaturaG10
ChiusuraDeadbolt a pulsante
Peso178 grammi
Prezzocirca 135 euro

Per ulteriori informazioni sul coltello chiudibile Seismic, visita il sito CRKT.

Valuta questo articolo
3.3 (7 valutazioni)
Questo articolo è disponibile anche in queste lingue:
Il corretto e completo funzionamento dei nostri servizi richiede i cookie. Facendo clic sul pulsante [OK], acconsentite al nostro dominio Internet utilizzando i cookie.