Increase font size Decrease font size
 

Il Comitato Direttiva 477 ribatte contro il disarmismo di Senato e UE

Il Comitato Direttiva 477 pubblica un nuovo comunicato

26/01/2016 - L'ultimo comunicato del Comitato Direttiva 477 ribatte sulla posizione del Comitato Affari Costituzionali del Senato in tema di recepimento della proposta disarmista della Commissione Europea

all4shooters.com

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato inviatoci dal Comitato Direttiva 477


Il Comitato Direttiva 477 ha emanato un nuovo comunicato nel quale riassume la situazione dell’iter legislativo della proposta della Commissione Europea per la revisione della normativa armi comunitaria. Nel comunicato viene inoltre riferita la valutazione espressa dalla Commissione Affari Costituzionali del Senato Italiano, che ha deliberato un'approvazione senza riserve della proposta comunitaria. Il comunicato delinea uno scenario molto complicato e sicuramente estremamente preoccupante. Una situazione davvero paradossale, in relazione alla quale il Comitato Direttiva 477 pone alla politica, alle istituzioni e soprattutto ai cittadini italiani che praticano attività del tiro e della caccia una serie di inquietanti domande, lasciando a ciascuno il compito di trovare le risposte.

Tutto è perduto quindi? No!!!

Il Comitato e le sue migliaia di iscritti non sono cittadini arrendevoli disposti a farsi improvvisamente ed ingiustamente privare senza alcuna valida e comprovata ragione le libertà civili acquisite e meritate in tanti anni per la volontà di oscuri e mai eletti burocrati delle istituzioni europee, evidentemente ben lontani da una corretta percezione della realtà sociale italiana, dove i delitti compiuti con le armi legali sono una frazione statisticamente irrilevante sul totale dei crimini violenti realizzati con armi da fuoco.

Il Comitato − ormai al lavoro in crescente sinergia con tutte le principali associazioni del comparto − invita a considerare che il milione e mezzo di titolari di licenze di armi sportive e da caccia possono organizzarsi senza grandi sforzi in un efficace movimento di opinione, divenendo un bacino elettorale il cui orientamento di voto non potrà in nessun caso essere ignorato dalla politica e dalle istituzioni, perché in grado con un solo terzo dei suoi numeri di cambiare nettamente il risultato di una competizione elettorale nazionale.


Cosa fare quindi?

Vi si chiede di investire da 15 a 30 minuti su internet per iscrivervi − senza alcun onere, in particolar modo economico! − al Comitato Direttiva 477 e di compilare il questionario proposto dalla Commissione CE e la petizione internazionale che ha già raccolto oltre 300.000 firme in Europa.


Le vostre giornate a caccia ed al poligono, la salvaguardia della proprietà delle vostre armi, la vostra dignità di cittadini onesti − sino ad oggi certificata dalle Istituzioni − valgono 15-30 minuti del vostro tempo? Si?! Allora adesso sapete cosa fare! Il prossimo appuntamento con il Comitato Direttiva 477 è fissato per il prossimo 13 febbraio presso lo HIT di Vicenza, dove sarà possibile incontrare tutto il direttivo e molti volontari che si sono offerti per raccogliere firme e per informare i partecipanti delle iniziative promosse dalle associazioni del settore per lavorare nella direzione indicata.

Il Comitato Direttiva 477 pubblica un nuovo comunicato
Il Comitato Direttiva 477 è attivo per contrastare le recenti proposte restrittive in ambito europeo e ogni restrizione a livello nazionale in Italia! E voi, lo sostenete? Dimostratelo recandovi a firmare di persona alla prossima edizione di HIT!

Sullo stesso tema vedi anche:


Valuta questo articolo!Il Comitato Direttiva 477 ribatte contro il disarmismo di Senato e UE 4.8 (5 valutazioni)